BANCHE. ISPO: anche commercianti preferiscono moneta elettronica

Non solo i consumatori ma anche gli esercenti preferiscono i pagamenti con carta piuttosto che quelli in contanti: ridurre i pagamenti in contante, infatti, per i negozianti di tutta Italia vuol dire aumentare la sicurezza contro furti, rapine e falsi, e allo stesso tempo migliorare la gestione del proprio bilancio. E’ quanto rileva un sondaggio realizzato dall’ISPO in occasione della campagna promossa da Pagobancomat e Visa per favorire la riduzione dell’utilizzo del contante in favore delle carte, più moderne ed efficienti.

Secondo il sondaggio, oltre la metà degli intervistati dichiara di preferire i pagamenti con le carte a quelli in contante (52%) e questo è vero soprattutto per chi gestisce un’attività più grande: il 59% degli esercenti con più di cinque dipendenti, infatti, predilige la moneta elettronica contro il 46% di quelli con un solo dipendente. Quanto agli importi, gli esercenti preferiscono il pagamento con carta per importi superiori ai 20 euro (52%).

I vantaggi. Sicurezza, comodità e semplicità sono i principali indicati dai commercianti che già possiedono il POS (95%). Ma ci sono anche altri timori: quello di ricevere denaro falso, ad esempio, o di commettere errori e/o inconvenienti. E’ pacifico, comunque, che le carte rappresentano un alleato importante sul fronte della sicurezza.

 

 

 

 

 

Comments are closed.