BANCHE. Invio estratto conto, Adoc chiede intervento Abi

L’Associazione Bancaria Italiana intervenga per eliminare i costi esorbitanti e sproporzionati relative all’invio degli estratti conto. E’ quanto chiede l’Adoc aggiungendosi al coro di critiche levatosi ieri a seguito della querelle Tremonti-Faissola. L’associazione fa notare, infatti, che richiedere la stampa del proprio estratto conto degli anni precedenti può costare anche 10 euro per fotocopia. "Abbiamo ricevuto centinaia di segnalazioni di protesta di clienti bancari che denunciano l’enormità dei costi per ricevere la stampa dell’estratto conto degli anni passati – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – ci sono casi in cui sono stati chiesti 10 euro per singola fotocopia prodotta. Un costo sproporzionato e non giustificato da particolari aggravi per le banche. Trattandosi di dati registrati su supporti informatici, l’unica spesa per gli istituti bancari è il costo della carta e dell’inchiostro, pochi centesimi. Da un’indagine dell’Adoc risulta, ad esempio, che il Monte dei Paschi di Siena chiede 10 euro per ogni estratto conto dei trimestri degli anni precedenti, Intesa San Paolo chiede 5,50 euro per foglio con un minimo di spesa di 11 euro, per Banca Popolare Commercio e Industria la commissione per il rilascio è di 10,33 euro per documento. Crediamo sia opportuno che l’Abi intervenga su questo problema ed elimini l’imposizione di commissioni dai costi esorbitanti".

LINK: Le Tabelle

Comments are closed.