BANCHE. Oltre 3 milioni le richieste di trasferimento automatico delle domiciliazioni RID dal 2007

Grazie al servizio di "Trasferibilità automatica delle domiciliazioni RID", gestito dal consorzio PattiChiari, è possibile trasferire automaticamente presso la nuova banca le domiciliazioni gestite tramite il servizio RID (es. le utenze della luce, del gas, ecc.). Lo si fa sottoscrivendo presso la nuova banca un semplice modulo con il quale il cliente stesso autorizza la banca ad addebitare tutte le posizioni precedentemente domiciliate presso la vecchia banca.

Da febbraio 2007 ad oggi sono state oltre 3 milioni le richieste di trasferimento di domiciliazione RID, e il 92,5% sono state concluse con successo.

Da luglio 2009 è possibile trasferire anche le rate di mutuo e di prestito da una banca all’altra, lasciando l’operazione di mutuo e prestito sulla banca originaria. Basta compilare lo stesso modulo di "richiesta trasferibilità delle domiciliazioni RID"; è poi la nuova banca ad occuparsi di tutto, fornendo al cliente la certezza dell’avvenuta attivazione delle domiciliazioni sul nuovo conto; la conoscenza di eventuali domiciliazioni che non è stato possibile attivare automaticamente sul nuovo conto; la conoscenza preventiva dei tempi entro i quali il processo di trasferibilità verrà concluso; l’informazione diretta alle aziende erogatrici delle domiciliazioni e del mutuo sulle nuove coordinate di addebito e la comunicazione alla vecchia banca circa la chiusura delle domiciliazioni. Con queste procedure di autoregolamentazione le banche italiane hanno anticipato l’ingresso dei principi europei sulla mobilità della clientela bancaria.

"La concreta e corretta applicazione di procedure informatiche avanzate che gestiscono milioni di clienti e miliardi di transazioni – commenta Filippo Cavazzuti, Presidente di PattiChiari – richiede sforzi organizzativi ed investimenti economici ingenti. Semplificare le scelte dei clienti di cambiare banca è il segno più evidente della scelta del settore bancario verso un mercato moderno, efficiente e concorrenziale".

 

Comments are closed.