BANCHE. PattiChiari, obiettivi concreti: il bilancio dei benefici per i clienti

Oltre 80 mila studenti raggiunti dal progetti di educazione finanziaria. 844 conti correnti di 102 banche confrontabili attraverso un motore di ricerca online. Quasi tre milioni di guide prodotte in collaborazione con i Consumatori. Oltre tre milioni di domiciliazioni trasferite dalle banche senza oneri per i clienti. Sono alcuni dei risultati in termini di benefici della clientela raggiunti dalle banche – 102 in tutto, pari al 73% degli sportelli – che aderiscono al Consorzio PattiChiari, nato per "offrire ai cittadini strumenti per capire i prodotti finanziari e scegliere quelli più adatti alle proprie esigenze". Come si legge sul sito del Consorzio, che si è arricchito della collaborazione di 13 associazioni dei consumatori, PattiChiari ha "la missione di offrire ai cittadini strumenti per capire i prodotti finanziari e scegliere quelli più adatti alle proprie esigenze", promuovendo dunque "la qualità e l’efficienza del mercato e l’educazione finanziaria nel nostro Paese".

Quali sono dunque i risultati? Ecco alcuni numeri, anche in vista dell’Assemblea annuale Abi che si svolgerà domani a Roma: nell’ambito dei progetti relativi all’educazione finanziaria sono stati 84.500 gli studenti delle scuole primarie e secondarie che hanno partecipato alle lezioni e circa 3000 i professori che hanno coordinato le attività formative relative a 3136 classi.
Sono circa 1200 i clienti che, in media al giorno, ottengono il trasferimento delle domiciliazioni RID e/o le rate di mutuo e/o prestito. Sono circa 3.250.833 le domiciliazioni effettivamente trasferite dalle banche senza che il cliente debba sostenere oneri di varia natura.

In media, servono 4 giorni perché la "nuova" banca riceva dalla vecchia banca, in modalità elettronica, i dati necessari per valutare il mutuo del nuovo cliente, mentre prima di giugno 2008, data a partire dalla quale è attiva la procedura, i sistemi di comunicazione interbancari erano manuali, ovvero si impiegavano strumenti quali fax e telefono; in media, 7 sono i giorni impiegati per rimborsare addebiti errati o non autorizzati sulle carte di pagamento della clientela, contro tempi che in precedenza potevano arrivare anche a un mese dalla richiesta del cliente.

Ancora: contro i 400 conti correnti confrontabili nel 2004, oggi sono diventati 844 i conti correnti, relativi a 102 banche, per i quali i clienti possono confrontare le relative caratteristiche attraverso il "Motore di confronto dei c/c, scegliendo così il conto più in linea con le proprie esigenze.

Per quanto riguarda gli sportelli bancari, circa 15 mila hanno reso disponibili alla clientela le attestazioni ai fini della detrazione sugli interessi passivi pagati per i mutui prima casa; sono circa 26 mila gli sportelli che rendono disponibili un secondo fattore di autenticazione per chi usa l’home banking; gli ATM funzionano quasi tutti (oltre il 98% in media mensile a marzo).

La collaborazione con le associazioni dei Consumatori ha portato infine alla pubblicazione di quasi tre milioni di guide (2.996.958) diffuse alla clientela.

Comments are closed.