BANCHE. Recupero crediti, Commissione Ue adotta libro verde

La Commissione europea ha adottato oggi un Libro verde che esamina le possibilità di migliorare l’esecuzione delle decisioni in materia di crediti pecuniari in Europa. Il documento propone possibili soluzioni per rendere più efficace l’esecuzione delle decisioni. "Per i cittadini dell’UE ha importanza essenziale l’esecuzione efficace delle decisioni. – ha dichiarato il vicepresidente della Commissione Franco Frattini, commissario per la Giustizia, libertà e sicurezza – Un sistema europeo di sequestro conservativo dei depositi bancari consentirebbe di ovviare alle differenze tra ordinamenti giuridici e tra disposizioni procedurali e di superare le barriere linguistiche. Tale sistema migliorerebbe le garanzie dei creditori, tutelando nel contempo i diritti dei debitori".

Nel Libro, la Commissione descrive i problemi inerenti alla situazione attuale e propone possibili soluzioni per rendere più efficace l’esecuzione delle decisioni. Un procedimento europeo di sequestro dei depositi bancari avrebbe effetto conservativo, in quanto bloccherebbe i fondi del debitore, depositati su un conto bancario, senza trasferirli immediatamente a favore del creditore. Per poter disporre il sequestro conservativo, dovrebbero essere soddisfatte determinate condizioni, tra cui un adeguato livello di tutela del debitore. Il provvedimento di sequestro emesso in uno Stato membro sarebbe direttamente riconosciuto ed esecutivo in tutta l’Unione europea, senza necessità di un titolo esecutivo. Questo nuovo procedimento europeo, completamente a sé stante, si aggiungerebbe alle misure previste dal diritto nazionale.

Comments are closed.