BANCHE. Trento, CRTCU: conviene il conto corrente on line

Scegliendo il più conveniente fra i conti online (Ing Direct) si può risparmiare fino a 140 euro all’anno rispetto un conto corrente tradizionale. Se a questo si aggiunge anche la scelta di depositare i propri risparmi su di un conto deposito con condizioni convenienti i vantaggi possono diventare ancora più interessanti. Questo uno dei dati salienti del consueto confronto effettuato annualmente dal Centro di Ricerca Tutela Consumatori e Utenti (CRTCU) di Trento. Stando alla ricerca, la convenienza dei conti correnti on line è tale da sconsigliare l’apertura di un conto corrente tradizionale. Tuttavia, anche in quest’ultimo settore ci sono proposte interessanti: il miglior risultato quest’anno è quello della Cassa Rurale Adamello Brenta con costo annuo di € 91,29, seguita dalla Cassa Rurale di Aldeno e Cadine con € 98,11.

Per quanto riguarda i conti correnti online sempre imbattuto il conto corrente della Ing Direct, con costo pari a "zero". In generale i conti online, se utilizzati bene, consentono buoni risparmi di spesa. Attenzione però a non mettere il piede in filiale; alcuni istituti penalizzano le operazioni fatte allo sportello.

Per quanto riguarda i depositi sono calati notevolmente i rendimenti, anche quelli dei conti deposito. Fra le banche locali unica ad essere attrattiva è la Cassa Rurale Alto Garda. I conti deposito sono interessanti quando si acconsente ad un vincolo delle somme di almeno 12 mesi.

Peggiorata anche la situazione per quanto riguarda le CMD (commissioni di messa a disposizione) e le CSC (commissioni di scoperto di conto). Alcune banche applicano fino allo 0,50% trimestrale. Come desumibile dalle tabelle, il consumatore accorto, scegliendo bene e cambiando magari banca, attraverso l’abbinata conto operativo e conto deposito può conseguire vantaggi di tutto rispetto in relazione al passato (cercando di azzerare i costi del conto corrente e massimizzando i guadagni sul conto deposito o sul libretto).

Cosa consiglia il CRTCU? "Verificate sempre bene i vostri estratti conto; fatevi consegnare anche il conteggio scalare di spese ed interessi (ogni tre mesi); informatevi almeno ogni sei mesi su nuove offerte e non esitate a cambiare banca quando trovate un’offerta migliore! Come ben si sa una vera concorrenza sul mercato viene alimentata soprattutto dalle scelte dei consumatori: secondo le statistiche dell’Unione Europea (Consumer Market Scoreboard) solo il 13% degli italiani, nel 2009, scegliendo offerte più convenienti, ha deciso di cambiare banca".

Comments are closed.