Bollette, da ottobre aumentano elettricità e gas

Scattano i rincari nel settore dell’energia.Da ottobre aumenteranno le bollette: più 2,4% per l’elettricità e più 2,8% per il gas. Lo ha stabilito l’Autorità per l’energia elettrica e il gas. Una famiglia con consumi medi spenderà circa 10 euro in più all’anno di elettricità e circa 26 euro in più di gas. Dopo 12 mesi senza aumenti, afferma l’Autorità, i "recenti e forti incrementi" dei prezzi dei combustibili legati a quelli del petrolio sono la causa fondamentale della variazione trimestrale delle condizioni economiche di riferimento per le forniture a famiglie e piccole imprese.

Il prezzo dell’energia elettrica sarà dunque di 15,91 cent di euro per kilowattora, con un aumento del 2,4% rispetto al precedente trimestre: "Ciò – scrive l’Autorità – comporta per la famiglia con consumi medi (2.700 kilowattora all’anno) una maggiore spesa annuale di circa 10 euro". Per il gas il prezzo sarà invece di 67,55 centesimi di euro al metro cubo, con un aumento del 2,8% rispetto al trimestre precedente: "Ciò comporta per la famiglia con consumi medi (1.400 metri cubi all’anno) una maggiore spesa annuale di circa 26 euro".

Per attenuare l’impatto negativo degli aumenti sarà disposta una nuova offerta bioraria: "Per l’energia elettrica – scrive l’Autorità – l’impatto negativo di questo aggiornamento trimestrale potrà essere attenuato per i clienti che sceglieranno la nuova offerta bioraria introdotta dall’Autorità a partire dal 1 ottobre. Tale offerta dovrà essere formulata dagli operatori, assieme a quella monoraria, sul mercato di maggior tutela e risulterà tanto più vantaggiosa quanto più i consumatori interessati saranno in grado di spostare i propri consumi in modo efficiente verso le più convenienti ore notturne e il week-end".

L’offerta punta dunque sulle ore notturne e sui week end. I corrispettivi biorari sono basati su due raggruppamenti, il primo coincidente con le ore giornaliere dal lunedì al venerdì (la fascia F1) e il secondo comprendente le ore notturne più i fine settimana (pari alla somma delle fasce F2 e F3). "Tutti i clienti finali in maggior tutela, dotati di adeguati misuratori, così come quelli che già avevano optato per una tariffa bioraria prima del 1° luglio (sospesa temporaneamente per consentire la necessaria riprogrammazione dei misuratori), potranno scegliere, a partire dal prossimo 1° ottobre, una nuova condizione di fornitura bioraria; questa nuova offerta bioraria risulterà tanto più vantaggiosa quanto più i consumatori interessati saranno in grado di spostare i propri consumi in modo efficiente verso le più convenienti ore notturne e il week-end".

E sui rincari è intervenuta l’Adiconsum per la quale "gli aumenti si combattono migliorando l’efficienza energetica delle abitazioni": sono dunque decisivi gli incentivi nella Finanziaria 2008. Secondo l’associazione, i consumatori potranno sopportare meglio gli aumenti grazie al"reinserimento della tariffa bioraria, che incentiverà i consumi nelle fasce orarie serali e festive, a partire dal 1 Ottobre prossimo" e al "raggiungimento della massima efficienza energetica, ottenibile oggi grazie agli incentivi fiscali per la riqualificazione energetica delle abitazioni". Incentivi che Adiconsum, con una lettera inviata al ministro Pierluigi Bersani, ha dunque chiesto vengano riproposti nella Finanziaria 2008.

Comments are closed.