CASA. Confedilizia, presentato il regolamento condominiale multietnico

Un regolamento condominiale multietnico che semplifichi l’assolvimento degli obblighi condominiali da parte degli immigrati. E’ questa l’iniziativa che Confedilizia ha presentato questa mattina a Roma presso la Camera dei Deputati. Obiettivo: contribuire all’integrazione sociale dei condomini immigrati. Il regolamento è stato tradotto in in sei lingue tra le più diffuse: inglese, francese, tedesco, spagnolo, arabo e cinese. Lo riferisce Confedilizia in una nota.

Negli ultimi due anni il fenomeno della compravendita di case da parte di immigrati è cresciuto notevolmente passando da circa 145 mila case acquistate nel 2006 a circa 160 mila nel 2007. "Di fatto – ha sottolineato il presidente di Confedilizia, Corrado Sforza Fogliari – oggi un acquisto di casa su cinque è compiuto da un immigrato". Che tipo di immobili preferiscono gli immigrati? Il 50% si orienta su unità immobiliari fra i 50 e i 75 metri quadri, per lo più da ristrutturare, almeno parzialmente.

"Le unità immobiliari vengono in gran parte acquistate in condominii – ha continuato il presidente della Confedilizia – e proprio per facilitare questo tipo di acquisti la Confedilizia propugna da tempo l’attribuzione al condominio della capacità giuridica, che darebbe piena fiducia ai nuovi acquirenti, e agli immigrati in specie, che non ricadano su di loro direttamente, spese inerenti parti comuni."

Il Regolamento, ora anche mutietnico, "da tempo costituisce un punto di riferimento affidabile per disciplinare l’uso delle cose comuni, la ripartizione delle spese ed ogni altra fattispecie inerente la vita condominiale".

Comments are closed.