CASA. Marche, in arrivo fondo di garanzia per le giovani coppie con lavoro precario

Acquistare la prima casa è spesso off limits per molti giovani. E non solo a causa dei costi degli immobili, ma anche per la tipologia di contratti lavorativi che rende loro inaccessibili molti mutui bancari. Per venire incontro a tali esigenze, la regione Marche ha deciso di costituire un fondo di garanzia destinato alle coppie con lavoro atipico o precario. Requisiti di ammissione, oltre alla flessibilità occupazionale, l’importo (non superiore ai 150mila euro) e la durata (25 anni) del prestito chiesto presso gli Istituti di credito.

"Il problema della casa, per diverse famiglie marchigiane, è – sottolinea l’assessore regionale all’Edilizia Pubblica, Gianluca Carrabs – una questione fondamentale, soprattutto per i giovani. I giovani, inoltre, sono sempre piu` coinvolti con i temi del precariato nel mondo del lavoro, che determina tipologie contrattuali flessibili e senza garanzia, non dando la possibilità di progettare il proprio futuro e tanto meno l’acquisto della prima casa. Il Governo regionale, consapevole di questo disagio, ha avviato una strategia in grado di sviluppare un fondo che garantisca i giovani lavoratori precari nei confronti degli Istituti di Credito che erogano il mutuo per l’acquisto della prima casa".

Al momento della domanda, le giovani coppie devono possedere un contratto di lavoro atipico, (co.co.co., a progetto, di inserimento, formazione e lavoro, a tempo determinato etc.). Per ottenere la garanzia del fondo, l’entità del mutuo richiesto non deve superare i 150mila euro di importo ed i 25 anni di durata. Accederanno alla garanzia le banche convenzionate nella misura massima del 50% dell’importo erogato per per un periodo che varia a seconda della durata del prestito concesso.

Comments are closed.