CASA. Milano, Camera Commercio: mercato fermo, meno 15% di compravendite

Immobili in tempo di crisi: il mercato immobiliare milanese nella seconda parte del 2009 è sostanzialmente fermo, resiste il centro e tiene il lusso, mentre diminuiscono i prezzi in periferia. Calano le compravendite: in tempo di crisi, i consumatori "aspettano prima di acquistare, allungando i tempi di vendita che in media superano i sei mesi. In un anno, infatti, il numero delle compravendite si riduce in città di circa il 15%, quasi 570 transazioni in meno nel terzo trimestre 2009 rispetto allo stesso periodo del 2008". Sono i dati della "Rilevazione dei prezzi degli immobili sulla piazza di Milano" sul secondo semestre 2009, realizzata dalla Camera di Commercio di Milano insieme a Borsa Immobiliare.

Come rileva la ricerca, "i prezzi a Milano rimangono sostanzialmente stabili in città (+0,2% in sei mesi, anche se in leggera ripresa rispetto al primo semestre quando la diminuzione era stata -0,3%) mentre diminuiscono in provincia (-0,8%). Comprare casa a Milano costa in media, considerando tutte le tipologie di immobili residenziali in vendita, 3.646 euro al metro quadro. In media, se resistono la cerchia dei Bastioni interessata dai nuovi progetti di sviluppo urbano (5.056 al mq, +0,2%) e la Circonvallazione (3.479 euro al mq, +0,1%) cresce leggermente il centro (7.107 euro al mq, +0,9%) e continua a rallentare, invece, la periferia (2.529 euro al mq, -0,2%)". I canoni di locazione sono in media di 173 euro a metro quadro l’anno (meno 0,9% rispetto al primo semestre 2009).

"Continua la complessiva tenuta del mercato immobiliare milanese nella seconda metà del 2009 – ha dichiarato Antonio Pastore, presidente di Borsa Immobiliare, azienda speciale della Camera di commercio di Milano – I prezzi si mantengono stabili soprattutto in città ma calano ancora le transazioni, -15% in un anno, e si allungano i tempi di vendita". Pastore ha detto che a seguito delle recenti norme sulla certificazione energetica degli edifici, "ci stiamo attivando per identificare un indicatore che permetterà ai consumatori di misurare i risparmi, o i maggiori costi da affrontare, sulla base della classe energetica della casa che intendono acquistare".

Comments are closed.