CASA. Milano, si apre oggi il bando per la mobilità abitativa atteso da quasi 10 anni

A partire da oggi, martedì 1° luglio, si apre il bando per la mobilità abitativa negli alloggi di Edilizia Residenziale Pubblica (ERP), che si chiuderà il 13 novembre prossimo. L’annuncio è quasi un evento eccezionale per la città di Milano poiché, come ha precisato lo stesso assessorato alla Casa del Comune di Milano, il precedente bando con analoghe caratteristiche risale a quasi un decennio fa.

"Effettivamente, si tratta di un bando molto atteso – ha spiegato l’assessore alla Casa Gianni Verga -l’ultimo è datato infatti marzo 1999". Con il bando che si apre in data odierna, l’Amministrazione comunale dichiara di voler perseguire lo scopo primario di affrontare il bisogno abitativo dei nuclei familiari che da tempo si trovano a vivere in situazioni di disagio: il numero di alloggi da mettere in mobilità è relativamente elevato, pari a 293 residenze.

Il bando che prende il via oggi dovrebbe dare quindi la possibilità di utilizzare al meglio il patrimonio abitativo del Comune, andando incontro alle esigenze abitative delle famiglie che nel tempo hanno cambiato composizione (sovraffollamento o sottoutilizzo), o luogo di lavoro (vedere requisiti necessari).

"L’Assessorato alla Casa vuole rendere il patrimonio pubblico sempre più adeguato alla domanda dei suoi utenti", ha continuato Verga, precisando che gli alloggi saranno assegnati a nuclei familiari che già occupano regolarmente un alloggio ERP e al momento della presentazione della domanda dimostreranno di essere sempre in possesso dei requisiti per l’assegnazione.

Gli alloggi verranno assegnati secondo l’ordine della graduatoria comunale. Ecco i requisiti necessari:

  • variazioni del nucleo familiare che diano luogo a sovraffollamento dell’alloggio;
  • variazioni del nucleo familiare che diano luogo a sottoutilizzo dell’alloggio;
  • malattia del richiedente o di componenti del nucleo familiare che comporti grave disagio con la permanenza nell’alloggio;
  • necessità di avvicinamento al posto di lavoro;
  • ricongiungimento con parente invalido o avvicinamento a parente ricoverato o bisognoso di cura e/o assistenza morale, materiale o sanitaria;
  • gravi e documentate necessità del richiedente o del nucleo familiare.

La domanda dovrà essere presentata solo presso gli sportelli abilitati attraverso una procedura informatica. Il Comune di Milano, per facilitare l’inserimento dei dati, ha predisposto una brochure che sarà consultabile presso gli oltre 60 sportelli messi a disposizione per la partecipazione al bando.

Per la presentazione della domanda, il Comune di Milano si è convenzionato con l’Aler, con i Sindacati e con i Patronati. Il Comune formerà la graduatoria per l’assegnazione degli alloggi nel gennaio 2009.

Gli interessati potranno trovare l’elenco all’Albo pretorio, sul sito www.comune.milano.it e sui manifesti pubblici.

Comments are closed.