CASA. Mutui, è nato il primo sito per chi lavora in Svizzera e compra casa in Italia

E’ nato il primo portale dedicato ai frontalieri, cioè ai cittadini che lavorano in Svizzera, ma vivono in Italia e dunque vogliono comprare casa nel nostro Paese (sono circa 41.600 persone). Si chiama www.mutuo-franchisvizzeri.it il sito per chi ha un reddito in franchi svizzeri e desidera acquistare casa in Italia; il portale è gestito da una società broker di mutui, regolarmente iscritta all’albo dei mediatori di Banca d’Italia.

"Per i frontalieri stipulare un mutuo in franchi svizzeri è decisamente più conveniente rispetto all’euro – ha spiegato Enrico Piacentini, responsabile del portale – Abbiamo voluto creare un portale dedicato proprio a loro". Negli ultimi 10 anni, infatti, il Libor, che è il tasso di riferimento utilizzato anche in Svizzera, è stato la metà dell’Euribor, l’indice utilizzato nell’Euro Zona come parametro di indicizzazione dei mutui a tasso variabile. "Per chi ha un reddito in euro – continua Piacentini – non è conveniente, perché c’è il rischio del cambio: variando il rapporto tra le due valute si rischia che aumenti il capitale". Il risparmio medio, su un finanziamento di 100mila euro, è di circa 40 euro mensili, per un totale di 480 euro all’anno.

Mutuo-franchisvizzeri.it distribuisce mutui "multimarca" tramite internet e telefono, secondo un approccio di consulenza basato su trasparenza e indipendenza: "Ci poniamo come intermediari tra i frontalieri e le banche, sia italiane sia estere – precisa Piacentini – Con gli istituti bancari convenzionati, abbiamo già contrattato le migliori condizioni possibili al posto dei clienti, a cui offriamo così la migliore soluzione possibile".

Inserendo i dati sul sito è possibile realizzare una fattibilità preliminare entro due giorni lavorativi dall’invio della richiesta, in modo da sapere subito se il mutuo richiesto potrà essere concesso. Se il parere è favorevole, il cliente viene contatto per concordare le modalità amministrative per l’istruttoria e la successiva erogazione del mutuo. L’iniziativa, on-line da pochi giorni, sta già riscontrando un buon successo seppur dedicata a una nicchia di mercato: il 10% di chi accede compila e invia il dettagliato modulo di richiesta.

 

Comments are closed.