CASA. Parte a Torino un progetto di intermediazione immobiliare per aiutare i giovani

L’autonomia abitativa è per i giovani sempre più difficile. Per aiutarli la Compagnia di San Paolo, nell’ambito del suo Programma Housing, in collaborazione con l’associazione Ylda e la Cooperativa Sociale Tenda Servizi, ha lanciato "Stessopiano", un progetto di promozione della coabitazione giovanile attraverso un servizio di intermediazione immobiliare. L’obiettivo dell’iniziativa è quello di facilitare l’incontro tra l’offerta di appartamenti di dimensioni medio grandi e la domanda dei giovani interessati alla coabitazione.

"La precarizzazione del lavoro – è il parere della Compagnia – diminuisce la capacità dei giovani di affrontare spese rilevanti e cadenzate, rendendo difficoltoso fornire singolarmente le garanzie che il proprietario di un immobile richiede". "Nell’area torinese – sostengono – il 61% dei giovani tra i 25 e i 29 anni vive ancora in famiglia, percentuale che scende al 29,5 per quelli tra i 30 e 34 anni, ma che significa che sulla soglia dei 34 anni un ragazzo su tre non è riuscito a conquistarsi un po’ di autonomia".

Il programma ha una durata triennale per un investimento complessivo di 16,5 milioni di euro; 420mila euro saranno messi a disposizione dalla Compagnia di San Paolo, da febbraio 2007 impegnata per il miglioramento delle opportunità abitative delle fasce di popolazione più svantaggiate. "Stessopiano" prevede anche per i proprietari incentivi economici finalizzati alla locazione convenzionata e un fondo di garanzia per eventuali morosità nel pagamento degli affitti; per i coabitanti, oltre alla ricerca gratuita dell’alloggio, un fondo per l’arredo degli spazi comuni e un fondo di rotazione per sostenere le spese del nuovo contratto.

 

Comments are closed.