CASA. Risparmio energetico, CTCU chiede di ripensare gli standard d’accesso agli incentivi

A metà dicembre 2009 sono stati sospesi gli incentivi provinciali per gli interventi di risparmio energetico, e da allora molte famiglie altoatesine, che stavano per iniziare le misure di risanamento, si sono trovate in una specie di "limbo" normativo: nessuno sapeva se, e soprattutto quando, gli incentivi sarebbero stati reintrodotti. "Finalmente – fa sapere il Centro Tutela Consumatori Utenti di Bolzano – sono stati resi pubblici i dettagli sui nuovi incentivi. Per essere ammessi agli incentivi provinciali, riguardanti alcune delle misure di risparmio energetico (come ad es. l’isolamento termico di edifici esistenti oppure l’installazione di impianti di riscaldamento a biomassa come pellets, legna e truccioli) ora è necessario che, a risanamento effettuato, l’edificio raggiunga una certa classe di CasaClima. In aggiunta ad altre nuove disposizioni, l’importo minimo di spesa è stato elevato da 4.000 euro a 6.000 euro".

"Per consumatori che davvero necessitano degli incentivi per poter eseguire le misure di risanamento energetico – denuncia il CTCU – queste novità non portano alcun beneficio: dato che adesso è obbligatoria la certificazione CasaClima, questo fa lievitare non solo il dispendio burocratico, ma anche le spese collegate agli incentivi. Infatti, per presentare la documentazione per il rilascio del cd. ACE nonché della certificazione stessa, per una casa unifamiliare possono sommarsi spese nell’ordine di 3.000 euro".

Secondo il CTCU, quindi, i consumatori con un "reddito medio-basso", al contrario, quasi sicuramente dovranno far fronte a spese accessorie (spese per il riscaldamento) in continuo aumento, in quanto non si potranno permettere un risanamento energetico totale ed la sostituzione del vecchio impianto di riscaldamento.

Per questo il Centro Tutela Consumatori Utenti chiede alla Giunta Provinciale di ponderare nuovamente i nuovi incentivi e standard minimi previsti: anche per le famiglie dal reddito medio-basso dovrebbe essere possibile acquistare casa senza sovraindebitarsi totalmente. Ulteriori informazioni e consigli riguardo ad agevolazioni fiscali, incentivi e modalità di domanda possono essere trovati sul nostro sito www.centroconsumatori.it. Per una prima consulenza con l’esperta di risparmio energetico del CTCU, si può contattare il numero telefonico 0471-301430, ogni martedì dalle 9 alle 12 e dalle 14 alle 17.

 

Comments are closed.