CASA. Sfratti, in arrivo altri 200 Mln per emergenza casa

Altri 200 milioni di euro, di cui la metà messi a disposizione dal Governo, saranno destinati a finanziare programmi costruttivi e interventi speciali a favore delle famiglie con maggior disagio abitativo. Lo annuncia il vice ministro alle infrastrutture, Ugo Martinat, in una nota in cui ricorda che "queste somme vanno ad integrarsi ai 317 milioni previsti dall’ ultima finanziaria destinati al finanziamento dei buoni casa". Queste nuove somme sono invece quelle previste dal decreto ministeriale firmato oggi dal Vice Ministro, che sarà pubblicato prossimamente in gazzetta ufficiale. Il decreto ripartisce tra i comuni capoluogo di aree metropolitane (Torino, Milano, Venezia, Genova, Bologna, Firenze, Roma, Bari, Napoli, Palermo, Messina, Catania, Cagliari e Trieste) risorse non utilizzate previste da un precedente decreto-legge del 2005 che ammontano a più di 99 milioni di euro.

Tali fondi, ricorda il Ministero, saranno destinati a finanziare, in questi comuni, interventi volti ad aumentare la disponibilità di alloggi di edilizia sociale – tramite programmi costruttivi o acquisizione e riqualificazione di stabili già esistenti, appartenenti anche al demanio pubblico a favore di famiglie particolarmente disagiate. Il decreto prevede, inoltre, che i comuni dovranno destinare a questi interventi una quota pari a quella stanziata loro dallo Stato, mentre la ripartizione dei fondi statali è stata rapportata al numero totale degli sfratti presenti nei singoli comuni. In base a questa ripartizione Torino riceverà dallo Stato circa 12,5 milioni di euro; Milano più di 20 milioni; Venezia 3,2 milioni; Genova 6,3 milioni; Bologna 4.7; Firenze 2,5; Roma 24,4; Bari 1,2; Napoli circa 11; Palermo 3,8; Messina 0,7; Catania 5,7; Cagliari 0,8 e Trieste 2,2.

Comments are closed.