CASA. Tecnocasa: immobili, in ripresa la volontà di acquisto

Prezzi leggermente in ribasso e ripresa della volontà di acquisto e investimento nel mattone sono le due tendenze che si confermano nel mercato immobiliare italiano nella seconda metà del 2010. L’analisi proviene dalle compravendite effettuate attraverso le agenzie affiliate al Gruppo Tecnocasa, che rilevano inoltre un leggero incremento nel segmento dell’investimento immobiliare. A livello nazionale, rileva Tecnocasa, "l’acquisto della prima casa ha visto protagoniste principalmente famiglie e in parte giovani coppie aiutate dalle famiglie d’origine. Quasi sempre i potenziali acquirenti hanno già a disposizione una parte di capitale (ottenuto dalla vendita di un altro immobile oppure risparmiato nel tempo). Si confermano le difficoltà per coloro che devono ricorrere a interventi importanti di mutuo per finanziare l’acquisto dell’immobile e in generale per coloro che non hanno sufficiente capacità di indebitamento, soprattutto per problemi legati alla stabilità e alla certezza del posto di lavoro".

Per quanto riguarda i prezzi, le grandi città hanno registrato, nel secondo semestre del 2010, una contrazione delle quotazioni dello 0,6%; a seguire l’hinterland delle grandi città con -1% ed infine i capoluoghi di provincia che chiudono il semestre con -1,4%. Ancora una volta sono le grandi metropoli a confermarsi come le realtà più dinamiche: in aumento i valori immobiliari a Roma e a Milano, rispettivamente con più 0,6% e più 0,3%.

"L’analisi delle compravendite realizzate attraverso le agenzie del Gruppo Tecnocasa evidenzia che il 72,3% degli acquirenti ha comprato l’abitazione principale (sia essa prima casa o casa di sostituzione), il 22,3% ha comprato per uso investimento e il 5,4% come casa vacanza. Il segmento dell’acquisto per uso investimento ha registrato un lieve aumento rispetto alla prima parte dell’anno (da 20,7% a 22,3%). Il 69,5% degli acquirenti ricade nella fascia di età compresa tra 18 e 44 anni e si rivolge all’acquisto della prima casa". Nelle grandi città, gli acquirenti chiedono per il 35,9% i trilocali, per il 30% i bilocali. La disponibilità di spesa maggiore si concentra nella fascia compresa tra 170 e 249 mila euro per le grandi città e nella fascia di spesa compresa tra 120 e 169 mila euro per i capoluoghi di regione e i capoluoghi di provincia .

Tecnocasa presenta un approfondimento del mercato immobiliare di Roma. Nella Capitale si segnala un aumento delle quotazioni dello 0,6%. A Frosinone e Rieti i valori degli immobili sono stabili. A Latina si registra una contrazione dello 0,8%. A Viterbo le quotazioni degli immobili si sono contratte del 13,7%. L’andamento del mercato immobiliare di Roma è diversificato e naturalmente segue il prestigio e la centralità delle aree in cui si acquista.

PDF:Tecnocasa – Il mercato immobiliare a Roma

Comments are closed.