CASA. UNC: falso allarme sul blocco delle compravendite immobiliari

Falso allarme sul blocco delle compravendite immobiliari. "Qualsiasi allarmismo su eventuali blocchi nella compravendita degli immobili a causa del decreto ministeriale 37/2008 è ingiustificato": è quanto dichiara l’Unione Nazionale Consumatori precisando che questa normativa, che riguarda l’istallazione degli impianti elettrici all’interno degli edifici, non fa altro che ribadire quanto era già previsto dalla legge 46/90 e dal seguente decreto attuativo 447 del 1991 (ora abrogati).

Quali le novità del decreto? "La prima è che entro 30 giorni dall’attivazione di un’utenza elettrica o idrica, come era già previsto per le utenze del gas, occorre inviare la dichiarazione di conformità all’azienda erogatrice altrimenti si rischia la sospensione della fornitura. La seconda è che finalmente la sicurezza degli ambienti in cui viviamo quotidianamente diventa un requisito irrinunciabile ed inderogabile".

Già dal 1991, ricorda UNC, il proprietario dell’immobile doveva "conservare tutta la documentazione amministrativa e tecnica e consegnarla all’avente causa in caso di trasferimento dell’immobile a qualsiasi titolo, nonché darne copia alla persona che utilizza i locali". Ed è quanto previsto anche dal decreto ministeriale 37/2008, precisa UNC, che dichiara come "se l’acquirente rinuncia alla garanzia di conformità dell’immobile, si può lo stesso procedere alla vendita, come del resto è previsto dal Codice civile oltre che dall’articolo 13 del decreto 37/2008".

Comments are closed.