CONCORRENZA. Antitrust accetta impegni di Acquedotto Pugliese

L’Antitrust accetta e rende vincolanti gli impegni sull’attività di allacciamento alla rete idrica e fognaria presentati da Acquedotto Pugliese, nei confronti del quale era stata avviata un’istruttoria. Viene liberalizzata infatti la realizzazione degli allacci alla rete idrica e fognaria che AQP svolgeva in monopolio, eliminato l’anticipo obbligaotrio delle spese di allaccio e resa possibile la loro rateizzazione. L’istruttoria, ha reso noto l’Antitrust, viene dunque chiusa senza sanzione e senza accertamento dell’infrazione.

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, nella riunione del 30 ottobre 2008, ha dunque accettato, rendendoli vincolanti, gli impegni presentati da Acquedotto Pugliese, nell’ambito dell’istruttoria avviata l’8 novembre 2007, per verificare l’esistenza di un possibile abuso di posizione dominante nella somministrazione dell’acqua potabile e della gestione delle acque di scarico. Entro il 2008 AQP modificherà i propri oneri di servizio pubblico in modo da lasciare aperta la possibilità agli utenti interessati di realizzare in maniera autonoma gli allacciamenti alla rete idrica o fognaria, senza dovere obbligatoriamente ricorrere alle prestazione di AQP.

Resta di competenza di AQP l’attività di verifica e collaudo degli allacci realizzati da altre imprese: la tariffa applicata per questa attività dovrà tuttavia essere rigorosamente parametrata ai costi effettivamente sostenuti, per evitare che, proprio attraverso questa tariffa, AQP possa di fatto disincentivare il ricorso da parte degli utenti a imprese terze per la realizzazione degli allacciamenti.

AQP ha inoltre assunto una serie di impegni che vanno in favore degli utenti, rileva l’Antitrust: a partire dal 1° gennaio 2009 viene eliminato l’obbligo di pagamento anticipato degli oneri relativi al contratto di somministrazione, sarà possibile rateizzare l’intero importo dell’allacciamento, viene eliminato l’aumento del 15% del costo dell’allacciamento per rimborso spese. Queste misure, secondo l’Antitrust, sono idonee a superare l’eccessiva onerosità delle condizioni contrattuali di allaccio considerate nel provvedimento di avvio. AQP attuerà infine modalità contrattuali on-line e realizzerà una rete di sportelli informatici per garantire agli utenti un miglior accesso ai servizi offerti.

Comments are closed.