CONCORRENZA. Antitrust chiude istruttoria, soccorso autostradale verso riduzione tariffe

Si va verso la riduzione delle tariffe del soccorso autostradale. L’Antitrust ha infatti chiuso l’istruttoria avviata il 20 settembre 2007 nei confronti delle società di gestione autostradale e degli operatori Aci e Europe Assistance accettando e rendendo vincolanti gli impegni presi dalle società. "Le misure adottate – informa l’Antitrust in una nota – renderanno possibile una riduzione delle tariffe grazie all’aumento della concorrenza. Per il soccorso ai veicoli leggeri le selezioni per l’affidamento del servizio avranno una base massima inferiore del 20% al prezzo massimo oggi applicato". L’attuazione degli impegni presi, spiega dunque l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, "comporterà una significativa riduzione dei prezzi del soccorso, per effetto di un aumento della pressione concorrenziale, derivante dal potenziale ingresso di nuovi operatori interessati a fornire tali servizi sulla rete autostradale".

L’Antitrust ha infatti deciso di accettare, rendendoli vincolanti, gli impegni presentati da Autostrade per l’Italia S.p.A., Strada dei Parchi S.p.A., Società Autostrada Tirrenica S.p.A., ANAS S.p.A., ACI Global S.p.A., Europ Assistance VAI S.p.A. e l’associazione AISCAT, nell’ambito dell’istruttoria avviata per accertare un presunto abuso di posizione dominante da parte delle società concessionarie autostradali e l’esistenza di un insieme di intese tra le concessionarie, l’associazione di categoria e gli operatori di soccorso autostradale, con l’obiettivo di massimizzare i profitti a danno degli automobilisti.

In particolare, le società concessionarie, spiega l’Antitrust, affideranno i servizi di soccorso a seguito di procedure da gara a evidenza pubblica che riguarderanno micro-tratte di dimensioni limitate e saranno distinte per il soccorso ai veicoli pesanti e ai veicoli leggeri. Per i veicoli leggeri, la tariffa massima a base della selezione sarà pari alla tariffa massima oggi applicata ridotta del 20% e a parità di altre condizioni verranno selezionati gli operatori che offriranno la tariffa più bassa. Una tecnologia satellitare permetterà inoltre alla sala radio delle società di localizzare in tempo reale il carro di soccorso più vicino. Per gli interventi effettuati in condizioni di sicurezza, come nei parcheggi o nelle aree di servizio, gli utenti avranno la possibilità di selezionare l’operatore di soccorso autorizzato a fornire il servizio sulla base delle condizioni offerte. E ci saranno anche pannelli informativi per facilitare la scelta.

L’Antitrust rileva inoltre che vengono meno i profili relativi all’abuso di posizione dominante in quanto ANAS, Autostrade per l’Italia e le due concessionarie del gruppo (Strada dei Parchi e SAT) hanno eliminato totalmente il contributo di sala radio operativa precedentemente richiesto alle organizzazioni di soccorso, che gravava sulle tariffe finali del servizio pagate dai consumatori.

Comments are closed.