CONCORRENZA. Antitrust europeo multa 4 aziende del settore del vetro acrilico

La Commissione europea ha stabilito che cinque società Ue hanno partecipato a un cartello nel settore del vetro acrilico, multandone quattro di loro per un totale di 344,5 milioni di euro. Lo ha annunciato oggi l’Antitrust europeo. Le società, si legge in un comunicato, sono la Arkema (ex Atofina), la Degussa, la Ici, la Lucita e la Quinn Barlo (ex Barlo). Tutte sono accusate di aver violato le regole del Trattato Ue che vietano le pratiche aziendali restrittive (Articolo 81) partecipando appunto al cartello.

La Degussa, però, non è stata multata poiché ha denunciato il cartello alla Commissione ed ha ottenuto così la piena immunità. Le cinque società, spiega la nota, hanno "concordato, fissato e monitorato i prezzi (di riferimento) del vetro acrilico e si sono scambiate importanti informazioni commerciali confidenziali nell’area economica europea tra il 1997 e il 2002".

Comments are closed.