CONCORRENZA. Antitrust sanziona società padovana di telemarketing

A seguito di una relazione inviata da Confconsumatori Emilia Romagna e da Federconsumatori Belluno, l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha riconosciuto come pratica commerciale scorretta l’attività di Eurokontat s.r.l., una società di Padova che, tramite telemarketing, tra aprile e luglio 2008, contattava consumatori offrendo buoni sconto gratuiti per acquisti in fantomatici punti vendita "di prossima apertura". L’Autorità ha vietato l’ulteriore diffusione della pratica e comminato una sanzione di 170.000 € ad Eurokontat s.r.l..

L’Antitrust ha ritenuto, innanzitutto, ingannevole la pubblicità in quanto le informazioni date ai consumatori contattati telefonicamente e poi incontrati presso le loro abitazioni, erano inesatte e incomplete, dal momento che il buono era tutt’altro che gratuito e che la sua consegna comportava la sottoscrizione di un vero e proprio contratto di acquisto, con conseguenti vincoli economici capestro, oltretutto in negozi inesistenti.

In secondo luogo, la pratica è stata riconosciuta come aggressiva, perché limitava la libertà di comportamento dei consumatori contattati con offerte mai richieste. Le persone venivano chiamate dai call center della società, seguendo istruzioni ben precise: individuare solo categorie di cittadini più facilmente "ingannabili".

A causa dei comportamenti volutamente scorretti della stessa società, i consumatori non sono stati messi nelle condizioni di conoscere, sin dalla prima proposta telefonica, le condizioni effettive dell’offerta, ma sono stati indotti a credere, invece, alla totale gratuità dei buoni sconto e alle informazioni inesatte su prezzo e oneri da sostenere, che venivano loro date.

Comments are closed.