CONCORRENZA. CGUE: no a vendita cosmetici solo in famacia

La clausola di un contratto di distribuzione selettiva che vieta, ad esempio, ad una società di vendere cosmetici o prodotti di igiene via internet, "costituisce una restrizione della concorrenza, a meno che quella clausola non sia oggettivamente giustificata". Un divieto simile non può beneficiare di un’esenzione per categoria ma individuale e soltanto ad alcune condizioni.

E’ quanto afferma la Corte di giustizia dell’Unione Europea intervenendo nella controversia tra l’Antitrust francese e l’azienda Pierre Fabre Dermo-Cosmetique, i cui cosmetici e prodotti di igiene personale sono venduti, sul mercato europeo, soprattutto tramite i farmacisti. L’Antitrust ha denunciato come "anticoncorrenziali" gli accordi di distribuzione della società e la Corte d’appello di Parigi si è rivolta ai giudici europei per un’interpretazione della normativa UE al riguardo.

La Corte ha precisato intanto che i prodotti in questione non rientrano nella categoria dei medicinali. Inoltre, che "i contratti di distribuzione riguardanti i marchi Klorane, Ducray, Galénic e Avène, la cui vendita deve essere effettuata esclusivamente in uno spazio fisico e alla presenza di un laureato in farmacia, in pratica limitano qualunque forma di vendita su Internet". La Corte europea conclude sottolineando che – come già rilevato in passato per la vendita di farmaci non soggetti a prescrizione medica e per le lenti di contatto, "l’obiettivo di presentare l’immagine di prestigio dei prodotti (in questo caso quelli della società francese), non può rappresentare un obiettivo legittimo per restringere la concorrenza".

Comments are closed.