CONCORRENZA. Commissione Ue rinvia all’Antitrust l’esame di Acque Blu

La Commissione Ue ha rinviato all’Antitrust italiana l’esame della proposta della joint venture Acque Blu tra Acea e Ondeo Italia, entrambe imprese italiane. Acea è un’impresa di servizi pubblici controllata dal Comune di Roma, attiva in Italia nella produzione, distribuzione e vendita di energia elettrica e gas, gestione di sistemi di illuminazione pubblica, teleriscaldamento e fornitura di servizi idrici integrati. Ondeo Italia, una controllata del gruppo francese Suez, è attiva in Italia nella fornitura di servizi idrici integrati. La joint venture Acque Blu dovrebbe svolgere attività di fornitura di servizi idrici integrati in Toscana e potenzialmente anche in altre regioni italiane.

Il 27 agosto 2008 l’Autorità italiana garante della concorrenza e del mercato ha informato la Commissione che la concentrazione prevista rischierebbe di incidere in misura significativa sulla concorrenza nel mercato italiano dell’assegnazione di servizi idrici integrati, a causa della posizione dominante delle parti nel mercato nonché del rischio di un coordinamento del comportamento sul mercato nelle future gare d’appalto per l’assegnazione di tali servizi. L’autorità italiana responsabile della concorrenza ha quindi chiesto alla Commissione un rinvio completo del caso.

La Commissione Ue ha concluso che la concentrazione proposta inciderebbe esclusivamente sul mercato italiano dell’assegnazione di servizi idrici integrati (il quale comprende il trattamento delle acque, l’approvvigionamento idrico e la raccolta e il trattamento delle acque reflue) e che pertanto l’esame di tale operazione compete all’autorità italiana responsabile della concorrenza.

Comments are closed.