CONCORRENZA. Enel presenta impegni all’Antitrust per chiusura istruttoria nella borsa elettrica

L’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato ha avviato la procedura di valutazione degli impegni presentati da Enel e da Enel produzione, nell’ambito dell’istruttoria avviata nell’aprile 2005 su un presunto abuso di posizione dominante nella fissazione dei prezzi della Borsa Elettrica. Le due società, in base alle nuove norme prevista dalla legge Bersani, hanno offerto di cedere, per gli anni 2007 e 2008, 700 MW all’anno (articolati in diverse tipologie di prodotto) relativi alla Macrozona Sud, attraverso procedure concorsuali finalizzate alla sottoscrizione di contratti finanziari di durata trimestrale e annuale. Il prezzo di cessione dei contratti sarà definito attraverso un’asta competitiva.

La procedura della presentazione di impegni, introdotta dalla legge Bersani, prevede che le imprese nei confronti delle quali sia stata aperta un’istruttoria per violazione della concorrenza possono presentare impegni tali da far venire meno i profili anticoncorrenziali oggetto dell’istruttoria. Qualora l’Autorità ritenga idonei gli impegni presentati li rende obbligatori e chiude il procedimento senza accertare l’infrazione. In caso di mancato rispetto degli impegni può irrogare una sanzione amministrativa pecuniaria fino al 10 per cento del fatturato.

Comments are closed.