CONCORRENZA. Gestione rifiuti cartacei, Antitrust accetta impegni Comieco

L’Autorità Antitrust ha accettato e reso obbligatori gli impegni presentati da Comieco (Consorzio Nazionale Recupero e Riciclo degli Imballaggi a base Cellulosica): il 40% dei rifiuti cartacei gestiti dal Consorzio sarà assegnato alle cartiere attraverso aste competitive. "Grazie a queste misure – annuncia l’Antitrust – circa l’80% dei rifiuti cartacei complessivamente raccolti in Italia, per un valore di 482 milioni di euro tra il 1999 e il 2009, circolerà liberamente, rispondendo alle ordinarie dinamiche concorrenziali: al 40% di rifiuti gestiti dal Consorzio che verrà assegnato con le aste, si aggiungono infatti i flussi di macero già oggi affidati a dinamiche di mercato, e come tali nella disponibilità delle cartiere associate a Comieco, come materia prima secondaria".

Con l’accettazione degli impegni di Comieco, l’Antitrust chiude dunque l’istruttoria avviata a marzo del 2010 per possibile intesa restrittiva della concorrenza alla luce del sistema di assegnazione dei rifiuti cartacei alle cartiere associate al Consorzio: secondo l’Autorità, il meccanismo utilizzato avrebbe potuto rappresentare un’intesa restrittiva della concorrenza in quanto stabilisce pro-quota le quantità di rifiuti cartacei (ossia di materia prima) di ciascuna cartiera, cristallizzando le quote di mercato, anche attraverso il prezzo, stabilito in misura fissa. Invece l’introduzione delle aste, anche se per una quota del 40%, per l’Antitrust "permette di superare le preoccupazioni concorrenziali espresse nell’avvio dell’istruttoria. Il restante 60% di rifiuti cartacei che verrà assegnato pro-quota è del resto giustificato dall’esistenza di un interesse pubblico a garantire, in questa fase, la certezza dello svolgimento delle funzioni di tutela ambientale svolte dal Consorzio".

Comments are closed.