CONCORRENZA. Impianti termici a Potenza, Tutor dei consumatori: abbassare tariffe manutenzione

La manutenzione obbligatoria delle caldaie a gas dovrebbe essere meno costosa. È quanto commenta l’associazione Tutor dei consumatori, che ha denunciato il sospetto di un cartello sui prezzi per la manutenzione degli impianti termici a Potenza. Dalla denuncia è scaturita l’istruttoria dell’Antitrust, che intende verificare se le associazioni Confartigianato di Potenza, Confindustria Basilicata, Confcooperative Basilicata, API Basilicata e UIL Basilicata abbiano posto in essere un’intesa restrittiva della concorrenza nel mercato sulla manutenzione degli impianti termici a Potenza, con effetti sui prezzi praticati ai consumatori e sulle modalità di svolgimento del servizio.

Il Protocollo d’intesa sottoscritto dal Comune di Potenza con le categorie interessate era stato oggetto dell’intervento critico da parte dell’associazione, che aveva chiesto – senza avere risposta – di annullare l’accordo e riconvocare le parti. Ma non c’è solo il tema dei prezzi. L’associazione denuncia che "pochi giorni fa, a Potenza, tre persone sono state ricoverate per un’intossicazione da monossido di carbonio causata da un difetto di funzionamento della caldaia a gas. Questi incidenti riportano l’attenzione sul problema della manutenzione della caldaia che, pur essendo obbligatoria, in realtà sembra essere facoltativa. Infatti, dai dati forniti nel 2009 dal Comune di Potenza apprendiamo che a fronte dei circa 35mila impianti termici presenti, sono solo 6mila gli utenti che hanno effettuato spontaneamente il controllo".

"Purtroppo, il costo elevato del contratto di manutenzione è diventato paradossalmente un ostacolo al raggiungimento degli obiettivi di sicurezza a cui mira la legge. Noi non vogliamo attendere che si verifichi una tragedia – afferma il presidente di Tutor dei consumatori Dino Potenza – per questo chiediamo subito interventi efficaci a favore dei consumatori/utenti e della loro sicurezza, iniziando dalla riduzione delle tariffe per la manutenzione".

L’accordo siglato portava a un costo totale annuale per la manutenzione degli impianti termici pari a 92 euro l’anno. "La manutenzione obbligatoria dovrebbe costare molto meno – conclude Dino Potenza – per renderla accessibile a tutti". Per venire incontro alle esigenze dei cittadini, Tutor dei consumatori (0971 443016) ha messo a disposizione tecnici convenzionati disponibili ad effettuare la manutenzione della caldaia ad un costo più basso, a partire da 60 euro, iva e bollino inclusi.

Comments are closed.