CONCORRENZA. Tagli all’Antitrust, MDC: “Governo faccia un passo indietro”. UNC: “Fatto grave”

"Il Governo faccia un deciso passo indietro, dando prova inequivocabile di essere dalla parte dei cittadini consumatori". Così Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino commenta l’annuncio del Presidente dell’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato, Antonio Catricalà circa i tagli all’Antitrust previsti in Finanziaria. Il presidente nel corso del convegnoorganizzato a Roma da Consumers’Forum ha parlato di un taglio di 8 milioni di euro.

"Si tratta di un grave danno alla tutela dei consumatori che fa pensare a una vera e propria resa del Governo alle lobbies delle imprese, in questi anni costantemente nell’occhio dell’Autorità Antitrust. Il taglio previsto porterà l’Autorità a ridurre drasticamente il personale della Direzione Generale Tutela del Consumare e a chiudere il servizio al cittadino offerto dal call center 800166661".

"L’Autorità Antitrust – conclude Antonio Longo – ha dimostrato di rivestire un ruolo essenziale nella tutela dei consumatori e di essere in grado di contrastare efficacemente le azioni lesive della concorrenza delle aziende. I suoi poteri, dunque, anziché essere indeboliti, devono essere rafforzati tanto più in periodi di grave crisi economica come quello che stiamo attraversando".

Sui tagli è intervenuta anche l’Unione Nazionale Consumatori. "Sarebbe un fatto grave se si riducesse da 22 a 14 milioni di euro lo stanziamento previsto per l’Autorità Antitrust, la cui funzione è fondamentale per la salvaguardia dei diritti dei consumatori – ha detto Massimiliano Dona, segretario nazionale UNC – Oggi più che mai il ruolo di vigilanza e controllo dell’Antitrust è fondamentale – soprattutto quando si tratta di banche, assicurazioni e grandi monopolisti – per assicurare un mercato libero ed autenticamente concorrenziale. Privare il Garante delle risorse necessarie significa ridurre la tutela dei diritti dei consumatori".

Comments are closed.