CONCORRENZA. UNC: “Dall’Ue più concorrenza per distribuzione e riparazione dei veicoli”

Giovedì scorso la Commissione Europa ha adottato nuove norme per la distribuzione e la riparazione dei veicoli. Le nuove norme incrementeranno la concorrenza sul mercato della riparazione e della manutenzione migliorando l’accesso alle informazioni tecniche necessarie per le riparazioni e agevolando il ricorso a pezzi di ricambio alternativi. "L’obiettivo – spiega l’Unione Nazionale Consumatori in una nota – è quello di agevolare la concorrenza sia nel settore degli acquisti, uno dei più colpiti in questa fase di crisi economica, sia in quello delle riparazioni, che rappresenta una delle voci di spesa più alte per i proprietari dei veicoli".

"Attraverso le nuove norme, sarà possibile: usufruire del servizio dopo vendita anche all’esterno del circuito delle officine autorizzate; acquistare pezzi di ricambio a prezzi più vantaggiosi; acquistare una nuova automobile ad un prezzo minore (in virtù della diminuzione dei costi di distribuzione)".

L’UNC ricorda che la riforma entrerà in vigore domani e sarà attuata in modo progressivo: "le concessionarie disporranno di 3 anni di tempo per affrontare i cambiamenti derivanti dal nuovo regolamento. Durante tale periodo la Commissione Europea monitorerà la situazione per individuare eventuali atteggiamenti problematici da parte degli operatori del settore, registrare i nuovi profili della concorrenza e valutare il feedback da parte dell’utenza".

L’Unione Nazionale Consumatori sottolinea che il vicepresidente della Commissione e commissario responsabile per la concorrenza Joaquin Almunia si è detto convinto del fatto che il nuovo quadro normativo apporterà vantaggi concreti ai consumatori attraverso l’ abbassamento dei costi per la riparazione, la manutenzione e l’acquisto dei veicoli; ha inoltre dichiarato che l’aumento della concorrenza migliorerà la sicurezza stradale in quanto il costo ridotto delle riparazioni renderà più frequenti le visite dei proprietari di automobili alle officine.

Comments are closed.