CONSUMI. Coldiretti: furti nei supermercati in aumento, 3 mld in valore

I prodotti più rubati dagli scaffali dei supermercati sono prodotti per la barba, accessori per abbigliamento, formaggi, giacche e cappotti, carne e profumi. Nella lista rientrano sia gli alimentari – spesso di qualità – sia i prodotti che possono essere nascosti o addirittura indossati, sperando di riuscire nell’inganno. È quanto afferma Coldiretti in un’analisi realizzata sulla base dei dati del "Barometro dei furti nella vendita al dettaglio" del Centre for Retail Research nei paesi europei. Con la crisi, afferma Coldiretti, si registra una crescita record del 7,8% dei furti nei supermercati, che superano il valore di 3 miliardi in Italia, il più elevato da quando è iniziata la rilevazione, cinque anni fa. I furti nei supermercati raggiungono il massimo storico, pari all’1,39% del totale delle vendite al dettaglio.

In Italia sono presi particolarmente di mira le specialità alimentari come il Parmigiano Reggiano e il Grana Padano, ma anche i salumi di qualità e i vini o i liquori. Sono peraltro – continua la Coldiretti – i formati già porzionati o confezionate di dimensioni ridotte quelli più apprezzati, e crescono anche i furti dei preaffettati e dei pregrattugiati. La tipologia dei prodotti rubati evidenzia inoltre che vengono rubati sia gli alimentari sia i prodotti alla moda e quelli dell’hi-tech.

Comments are closed.