CONSUMI. Confcommercio: consumi in calo a febbraio. Le richieste dei Consumatori

I consumi cercano di tornare su, ma non ce la fanno. Nel mese di febbraio 2010, infatti, l’Indice dei Consumi Confcommercio registra un calo dello 0,5% rispetto al mese precedente. Su base annua c’è un miglioramento dell’1,4%, ma è dovuto principalmente al fattore mobilità e quindi al settore dei trasporti: la domanda relativa a beni e servizi per la mobilità è cresciuta del 14,3% rispetto a febbraio 2009. Aumenta soprattutto la domanda per le autovetture e la spesa per i trasporti aerei.

Il comportamento delle famiglie italiane, invece, continua ad essere caratterizzato dall’incertezza legata soprattutto al mercato del lavoro. In positivo la domanda per beni e servizi ricreativi, soprattutto per la componente relativa ai concorsi a pronostico e per i prodotti audiovisivi.

In calo, invece, la domanda per i servizi di ristorazione e d’alloggio (-0,6% rispetto a febbraio 2009) e per gli articoli di abbigliamento e calzature (-1,5%). Quest’ultimo settore ha avuto difficoltà a recuperare livelli di domanda anche nel periodo dei saldi. Ma la grande contrazione la registrano i consumi alimentari, le bevande e i tabacchi (-2,5%).

L’Adoc condivide il dato sui consumi alimentari e aggiunge che senza la presenza dei discount il calo sarebbe stato il doppio, intorno al 5%. "Quando calano i consumi degli alimentari significa che i soldi sono finiti – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – E il calo dei prodotti alimentari sarebbe potuto essere almeno del 5% senza l’apporto dei discount, gli unici a dare la possibilità alle famiglie di soddisfare le proprie esigenze alimentari senza rimetterci lo stipendio. Circa una famiglia su tre, anche della media borghesia, fa oggi spesa in questi esercizi".

"E la crisi continua a farsi sentire anche sui piccoli esercizi, sia per i prodotti alimentari che per i secondari – aggiunge Pileri – E’ in atto una desertificazione delle aree commerciali dei centri storici, dove negli ultimi tempi si sono ridotti di oltre il 20% i piccoli negozi, i banchi e gli ambulanti. Un impoverimento culturale e sociale, dato che vengono a mancare dei punti di riferimento per i consumatori. E’ pertanto necessario salvaguardare questo settore del commercio, penalizzato dalle difficoltà economiche delle famiglie e da una tassazione locale spesso troppo elevata".

Dura reazione anche da parte di Adusbef e Federconsumatori: "Avevamo preventivato un dicembre scadente ed una penosa stagione dei saldi e purtroppo tutto ciò si è realizzato ed oggi è certificato da Istituzioni ed Associazioni imprenditoriali, dando ragione a posteriori all’Osservatorio Nazionale Federconsumatori". Il Governo, invece "cerca di convincere la cittadinanza che l’operatività governativa stava mettendo a posto le cose – sostengono Elio Lannutti e Rosario Trefiletti, Presidenti di Adusbef e Federconsumatori – La ricaduta di questo atteggiamento irresponsabile faceva sì che ancora oggi, sempre con dati Confcommercio, i consumi sono sempre più contratti e permane la sfiducia dei consumatori nell’ambito del mercato".

"Anche sui dati di Pasqua che confermiamo, molto sotto tono (basterebbe citare la denuncia della FIPE per le presenze nei ristoranti), si sono scatenati i mistificatori che tendono irresponsabilmente a far credere che tutto va bene. Loro – continuano le Associazioni dei consumatori – lo sanno e non lo dicono, che così facendo si fa del male al Paese, che già soffre una gravissima crisi che in mancanza di adeguati interventi azzererà anche nel 2010 il PIL".

"Due cose devono essere fatte immediatamente per recuperare in parte una situazione drammatica, oltre che cominciare a dire la verità, eliminando menzogne e mistificazioni. La prima cosa è una detassazione per 1200 euro delle famiglie a reddito fisso, la seconda la messa sotto controllo anche attraverso un vero e proprio blocco delle tariffe, che stanno stangando le famiglie italiane con aumenti clamorosi, dai trasporti, dalla benzina, dall’RC Auto e da altro ancora per 761 euro annui".

Comments are closed.