CONSUMI. Federconsumatori Sardegna: nel decreto sviluppo nessuna agevolazione per il metano

Federconsumatori Sardegna denuncia che il decreto sviluppo del Governo non prevede agevolazioni per il gas nell’isola e snellimenti fiscale in favore di chi consuma metano, a differenza di quanto accade nel resto dell’Italia. Sostiene infatti in una nota l’associazione: "Il decreto per lo sviluppo varato pochi giorni fa, contiene una misura che prevede uno snellimento fiscale a favore di chi consuma metano. Peccato quindi che la Sardegna sia in toto esclusa da questo provvedimento, nonostante l’urgente necessità di un adeguamento delle tariffe del gas date le bollette astronomiche e le bombole che oramai da anni paghiamo più care (fino al 30% in più), perché il metano non arriverà nell’Isola per almeno altri tre anni. Il provvedimento – continua Federconsumatori Sardegna – agevola il resto dell’Italia che consuma metano, alleggerendo le bollette grazie all’aliquota Iva che scende dal 20 al 10%. Il prezzo del gpl, consumato in Sardegna, non è stabilito dall’Autorità per l’energia (come avviene per il metano), ma è lasciato alle compagnie e dunque sempre oscillante (vogliamo dire al rialzo e mai al ribasso? diciamolo pure) e gravato dalle tasse imposte dagli enti pubblici". L’associazione "chiede alla Regione un segnale di risveglio e strumenti che difendano il diritto dei consumatori a vedersi riconosciuto un trattamento di alleggerimento del peso fiscale uguale (se non maggiore) rispetto a quelli delle altre regioni italiane".

Comments are closed.