CONSUMI. Federconsumatori: “Tredicesime falcidiate”, manovra del Governo “inadeguata”

Le tredicesime saranno "falcidiate", i consumi sono in calo e dunque "sarebbe stata utile una manovra eccezionale e non quella inadeguate che il Governo si appresta ad avviare". Questa la posizione assunta da Federconsumatori che, dopo aver reso noto le previsioni di spesa per il Natale, fa i conti sulle tredicesime che per quest’anno saranno pari, al netto, a 35 miliardi di euro. "Di questi – scrive l’associazione – 10 miliardi giungeranno a 17 milioni di pensionati, che pertanto riceveranno, in media, 600 Euro a testa; i restanti 25 miliardi saranno percepiti da 18 milioni di lavoratori dipendenti, cioè 1400 Euro a testa". Ma "gran parte dell’importo complessivo delle tredicesime, ben 25 miliardi di Euro (cioè il 70%) saranno destinati al pagamento di: Rc-Auto, prestiti/rate, canone Rai, mutui, bolli auto/moto, bollette ed utenze".

Resterà a disposizione solo il restante 30%, che in parte (30/35%) sarà destinato al risparmio. Per le spese natalizie e alimentari resteranno, afferma l’associazione, 6,5 miliardi che si tradurranno in una disponibilità di spesa pari a 273 euro per i lavoratori e di 117 euro per i pensionati.

Nei consumi si registrerà comunque una contrazione stimata in oltre il 20%. Secondo l’Osservatorio nazionale Federconsumatori, in discesa ci saranno soprattutto abbigliamento e calzature (meno 20%), arredamento per la casa ed elettrodomestici (meno 10%), profumeria (meno 10%), elettronica di consumo (meno 5%) e cartolibreria (meno 5%). A tenere saranno solo i settori caratteristici delle festività natalizie, cioè quello alimentare (più 0,6 %) e quello dei giocattoli (più 0,4%).

Comments are closed.