CONSUMI. Federconsumatori e Adusbef: Natale, risparmiare si può

Non sarà un Natale ricco, gli effetti della crisi economica avranno ripercussioni anche sulle feste e sui consumi ma questo non significa che bisognerà rinunciare a tutto: risparmiare si può, e risparmiando fare regali utili rispettando il budget di spesa disponibile, rivolgendosi a regali utili e tenendo un occhio sulla difesa dell’ambiente. È quanto affermano Federconsumatori e Adusbef che hanno stilato un vademecum sui regali di Natale. Inoltre, come ogni anno, l’Osservatorio Nazionale Federconsumatori ha effettuato il monitoraggio dei prezzi relativi alle festività natalizie: dai prodotti alimentari all’elettronica, dai giocattoli agli addobbi.

Qualche esempio? I prezzi del 2009 sul 2008 vedono un aumento del 10% del prezzo del prosecco, del 7% del vino da tavola in bottiglia di media qualità, del 5% del torrone confezionato. Più 16% per una confezione di 12 palline decorate per gli addobbi natalizi. I giocattoli aumentano in media del 2 o 3%. Fra gli articoli da regalo, gli occhiali da sole griffati segnano più 6%, mentre diminuisce del 6% il prezzo di un note book. Per le tecnologie: più 6% per i giochi per consolle, più 4% per la fotocamera digitale compatta, meno 11% per il televisore LCD 20 pollici con decoder integrato.

Come contenere le spese? Intanto stabilire un budget di quanto si intende spendere. Poi giocare d’anticipo, confrontare i prezzi fra più negozi ed evitare di fare i regali all’ultimo momento. Il regalo giusto, proseguono le due associazioni, è quello studiato per il destinatario, spesso un oggetto utile, un cesto natalizio fai da te, o anche un regalo cumulativo per tutta la famiglia. Naturalmente per i giocattoli bisogna accertarsi della sicurezza: "Diffidate dei prodotti dei quali non conoscete la provenienza e cercate sempre il marchio CE che ne assicura l’affidabilità. Per quanto riguarda i prodotti elettrici verificare che sia presente il marchio di sicurezza IMQ, che attesta la conformità dei prodotti elettrici ai requisiti delle norme CEI".

Federconsumatori e Adusbef promuovono inoltre anche quest’anno, a tutela dell’ambiente, la campagna "non incartate i regali": "Meglio adoperare le classiche bustine, facilmente riutilizzabili, o, perché no, tovaglioli di stoffa e nastri colorati, che andranno ad arricchire il regalo. Per chi proprio non riesce a resistere alla soddisfazione di strappare via un involucro, inoltre, si può sempre utilizzare la semplice carta da giornale, da gettare poi rigorosamente in dei cassetti per la raccolta differenziata della carta".

Comments are closed.