CONSUMI. Frutta e verdura: prezzi in crescita, CIA chiede doppio prezzo

Come confermato dalla relazione annuale del presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato Antonio Catricalà, i prezzi dei prodotti ortofrutticoli hanno registrato, dal 2000 al 2005, aumenti molto più elevati al dettaglio che alla produzione. Lo sottolinea la Confederazione Italiana Agricoltori, secondo cui la situazione sta penalizzando sia consumatori che produttori.

La Cia rileva inoltre che proprio il crescente aumento dei prezzi ortofrutticoli al dettaglio abbia provocato un drastico calo nei consumi: nel 2004 quelli di frutta sono scesi del 7,3 %, mentre quelli relativi agli ortaggi hanno fatto registrare una flessione del 10,6 %. Cifre che nel 2005 si sono ridimensionate (0,5 % la frutta e meno 4,6 % gli ortaggi), ma che, tuttavia, sono rimaste di segno negativo. Attualmente quattro italiani su dieci non mangiano prodotti ortofrutticoli almeno una volta al giorno.

La Petizione popolare della Confederazione, con la raccolta di firme in tutta Italia, ha, del resto, avuto come obiettivo quello di assicurare sia il produttore che il consumatore attraverso la trasparenza del prezzo dal campo alla tavola. Insomma, una reale tracciabilità. E le firme raccolte verranno consegnate nei prossimi giorni al presidente della Camera Fausto Bertinotti.

 

 

 

Comments are closed.