CONSUMI. Incentivi, Scajola: “stimolo per la crescita”. Codacons: “troppo irrisori”

Gli incentivi varati dal governo dovrebbero "essere uno stimolo per far crescere il Pil nel secondo trimestre". E’ quanto ha detto il Ministro dello Sviluppo economico Claudio Scajola, che oggi era a Belgrado per la firma di un accordo con la Serbia. Per il Codacons, invece, "gli incentivi sono talmente irrisori che non potranno avere un impatto sul Pil. Al massimo potranno dare un aiutino ai settori incentivati".

Secondo l’Associazione dei consumatori "la cifra stanziata, 300 milioni di euro, è, talmente bassa che gli incentivi sono destinati ad esaurirsi in breve tempo. Quelli per la nautica sono già esauriti e quelli per i motorini è già tanto se dureranno fino alla fine della settimana".

Per questo il Codacons chiede al governo di aggiungere uno zero agli incentivi, passando da 300 milioni ad almeno 3 miliardi. "Peraltro – conclude il Codacons – il fatto che gli incentivi siano a esaurimento fondi sta mandando in tilt i negozi, costretti a tempi di attesa biblici e a procedure macchinose per prenotare l’incentivo. Solo se i fondi non saranno a esaurimento, non ci saranno tetti e vincoli così stringenti sulla classe energetica e sul tipo di prodotto, allora potranno avere effetti sul Pil".

Comments are closed.