CONSUMI. Indagine Fismo-Swg: giovanissimi “vittime della moda”

Italiani e moda: la metà dichiara di non seguirla e di avere uno stile personale, un italiano su cinque di indossare quello che gli capita. La maggioranza (51%) vede nella moda un "modo per portare le persone a spendere" ma c’è anche un 35% che vede nella moda un modo creativo e leggero per portare novità nel guardaroba. Fashion victim sono soprattutto i giovanissimi. E le donne, come ci si poteva aspettare, sono più attente degli uomini al rinnovo del guardaroba. È quanto emerge dal sondaggio "Italiani e moda. Pillole di comportamenti e atteggiamenti", l’indagine Fismo-Swg presentata in occasione del Premio moda 2010 promosso dalla Fismo Confesercenti e consegnato oggi al brand Ferragamo.

Interrogato sul "senso della moda", il 51% del campione la considera un modo per portare le persone a spendere; il 35% un modo creativo e leggero per portare novità al guardaroba; il 9% un obbligo, una costrizione; il 5% un must, che non si può non seguire se si vuole essere al passo con i tempi."I giovanissimi e le donne – rileva l’indagine – sono meno cinici della media della popolazione: avvertono di più l’opportunità di rinnovare il guardaroba".

Seguono di più la moda i giovani, "chi se lo può permettere", le donne. La moda è dunque vista come prerogativa dei giovani e dell’universo femminile ma attenzione: è anche una questione di portafoglio. Alla domanda "E lei segue la moda?", il 7% dichiara che cerca sempre di rinnovare gran parte del guardaroba; il 23% che cerca sempre di avere almeno un capo alla moda; il 50% risponde di no e che ha un suo stile personale; il 20% risponde di no, e che indossa quello che capita. "Prevale l’aspirazione a costruire uno stile personale, anche se ben 1 italiano su 3 dichiara di fare attenzione ai dettami della moda e di seguirli". È anche vero che il 70% del campione dichiara, al contrario, di non seguire la moda.

"Le fashion victim si rintracciano soprattutto tra i giovanissimi, tra i quali ben più del 10% aspira al rinnovo totale del guardaroba ogni stagione – spiega l’indagine – Come ci potremmo aspettare, le donne sono più attente degli uomini e più desiderose di svecchiare il contenuto degli armadi, ma non poi così tanto più dell’altro sesso: tra gli uomini, infatti, solo 1 su 4 dichiara di non fare alcuna attenzione a ciò che mette. Lo stile insomma, dettato dalla moda o dal gusto personale, è proprio un patrimonio comune degli italiani".

Comments are closed.