CONSUMI. Isae rileva:”Da ottobre la fiducia dei consumatori è ai minimi”

Secondo quanto riferisce l’Isae, nel mese in corso l’indice destagionalizzato si posiziona a 106,1 (da 109,1 di marzo; da 108,4 a 106,1 l’indice grezzo), il valore piu’ basso da sette mesi. Va segnalato, comunque – ricorda l’Isae – che la rilevazione e’ stata effettuata tra l’1 e il 14 aprile, ed e’ possibile che il calo risenta anche delle incertezze legate al periodo elettorale.

In particolare il peggioramento riguarda le valutazioni relative alla situazione personale, soprattutto per il ridimensionamento delle valutazioni (presenti e future) sul risparmio; le attese sul mercato del lavoro sono piu’ favorevoli, ma aumenta il pessimismo sull’evoluzione a breve della situazione economica del Paese.

I consumatori esprimono anche pareri meno favorevoli riguardo la convenienza presente e le intenzioni future di acquisto di beni durevoli; rimangono comunque sostanzialmente invariate le attese di spesa per l’automobile e l’abitazione, e migliorano quelle relative alla manutenzione della casa. Si consolidano, poi, i giudizi di rallentamento della dinamica inflazionistica, anche se emerge qualche timore per i prossimi dodici mesi, probabilmente – sottolinea l’Istituto – legato agli ulteriori rincari dei prodotti energetici.

A livello territoriale, il clima di fiducia peggiora marcatamente nel Centro e nel mezzogiorno, in misura piu’ contenuta nel Nord Est, e aumenta invece nel Nord Ovest

Comments are closed.