CONSUMI. Liguria, in arrivo 250mila euro per gli Enti pubblici “equo-solidali”

Distributori automatici, catering e ristorazione del commercio equosolidale. Dopo l’approvazione della prima legge regionale in materia, la Liguria prosegue su tale strada, approvando il finanziamento di 250mila euro in favore degli Enti pubblici che effettueranno acquisti etici. Lo scopo dell’amministrazione è di aiutare tali soggetti a compensare la differenza finanziaria fra prodotti convenzionali e quelli del commercio virtuoso. I contributi approvati ieri dalla Giunta si sommano ai 400mila euro già stanziati dalla regione per favorire il settore.

Usufruiranno delle agevolazioni tutti gli Enti pubblici locali che introdurranno prodotti del mercato equosolidale nelle mense scolastiche, nei distributori automatici e nell’organizzazione di rinfreschi e coffe-break. "Con tale provvedimento – ha dichiarato l’assessore regionale allo Sviluppo Economico, Renzo Guccinelli – diamo continuità ad un’azione a favore di questo tipo di commercio che sta incontrando crescente favore presso i consumatori, concepito come un modello di sviluppo che parte dal basso e che può colmare gli squilibri tra nord e sud del mondo".

Comments are closed.