CONSUMI. Milano, con il caldo scoppia il boom delle gelaterie

E’ inevitabile: con l’arrivo dell’estate i consumi di gelato salgono alle stelle. Un fenomeno comune in tutta Italia, come è testimoniato dal mercato. A Milano il numero delle gelaterie ha raggiunto quota 494, tra somministrazione e produzione: il 39,1% del totale regionale ed i 6,4% di quello nazionale. Secondo i dati resi noti dalla Camera di Commercio locale, il settore è in notevole crescita; dal 2001 al 2006 le imprese attive sono salite del 17,3% (+4,7% nell’ultimo anno). Gli estimatori del dolce dessert non hanno età: si va dai bambini agli anziani. Tra i gusti preferiti troviamo i classici cioccolato, nocciola, stracciatella e crema.

Il gelato è apprezzato dalle famiglie, che spesso lo comprano per consumarlo a casa, e dai 20-40 anni. Secondo la rilevazione di Unione del Commercio di Milano presso i gelatai aderenti ad Epam, l’orario ideale per l’acquisto va dalle 16 alle 18 e dalle 21 alle 23. ma spesso i milanesi lo scelgono verso le ore 13-14 come pasto sostitutivo del pranzo. "Il gelato (solo coni e coppette) procura – dichiara la Camera di Commercio milanese -mediamente una cinquantina di clienti al giorno per una gelateria artigiana. La spesa per un cono o una coppetta è in media di 2 euro e 30 centesimi. I gusti preferiti sono il cioccolato, la nocciola, la crema e la stracciatella; tra la frutta i più richiesti sono i classici fragola e limone. E con l’estate ghiaccioli e granite (66%) prendono il posto dell’amato gelato, ma non per tutti (34%)". Per districarsi fra i vari gusti offerti, spesso si ricorre al criterio visivo. Sono soprattutto i clienti stranieri a scegliere il gelato in base al colore, anche quando nelle indicazioni c’è il corrispondente nome in inglese e francese.

La città meneghina è la provincia italiana con la maggior concentrazione di imprese di produzione e somministrazione di gelati: circa il 6,4% del totale nazionale. Al secondo posto Roma con 471 imprese attive e una quota pari al 6,1% del totale nazionale, Torino (4,1%) e Napoli (2,6%). Milano, è anche la località lombarda più multietnica: il 50% degli stranieri gelatai in Lombardia è concentrato nella metropoli.

Ma chi esercita a Milano il mestiere di gelatiere o gelataio? Il 92% è costituito da italiani. Fra questi, la maggior parte è uomo (60%) ed ha un età fra i 20 ed i 39 anni. Fra gli esercenti stranieri la presenza femminile è più rilevante che fra gli italiani (il 44,4% donne straniere contro il 39,7% donne italiane) e la fascia d’età più comune è quella dei trentenni. Ben il 27,8% dei gelatai stranieri è di nazionalità egiziana. A seguire gli argentini ed i venezuelani (16,7% ed 11,1%).

Comments are closed.