CONSUMI. Osservatorio Findomestic: a novembre la fiducia è la più bassa del 2010

A novembre la fiducia degli italiani è stata la più bassa del 2010. I più pessimisti sono quelli con un’istruzione universitaria e superiore e risiedono in tutte le aree del Paese. Un po’ più ottimista il Centro Italia che tuttavia da solo non riesce a imprimere una svolta positiva al dato complessivo. Lo registra l’Osservatorio mensile Findomestic, pubblicato oggi, secondo cui le previsioni sulla situazione italiana nei prossimi 12 mesi restano stabili, in linea con lo stesso periodo del 2007 e 2008.

Solo un italiano su dieci pensa che riuscirà ad aumentare il proprio risparmio nei prossimi 12 mesi. Nel mese di novembre resistono gli elettrodomestici bruni mentre quelli piccoli e bianchi sono in calo. Il settore dell’elettronica di consumo è a livelli più bassi rispetto allo stesso periodo del 2009: cala anche la cifra massima prevista per l’acquisto di prodotti informatici, con una flessione da 450 a 414 euro, mentre la telefonia è stabile.

Per quanto riguarda gli autoveicoli e i motoveicoli, soltanto le due ruote sono in crescita, con valori di previsione addirittura superiori rispetto all’auto. Calano le previsioni d’acquisto sia dell’auto nuova, sia dell’auto usata. Le cifre medie previste per l’auto nuova sono di 18.992,00 euro (stabile), per quella usata di 4.396,00 euro (in calo) e per il motociclo e lo scooter di 2.056,00 euro (lieve calo).
All’interno del macrosettore del tempo libero l’unico comparto che evidenzia un’andatura positiva anche in previsione del periodo natalizio è quello dei viaggi e delle vacanze che cresce dell’1,2%; mentre le attrezzature per il tempo libero segnano un calo dello 0,3%. Pesante la contrazione che riguarda le attrezzature e il fai da te (-2,1%). Infine scendono in maniera più consistente sia le ristrutturazioni sia gli acquisti di mobili, mentre l’acquisto di case resta praticamente stabile; per contro in aumento la cifra media dedicata ai mobili

Comments are closed.