CONSUMI. Osservatorio Findomestic: previsioni di acquisto buone per elettronica di consumo e sport

Solo poco più di un italiano su dieci ritiene di riuscire, sicuramente o probabilmente, ad aumentare il proprio risparmio nel prossimo anno. Si ferma dunque la crescita nella previsione di aumento del risparmio, mentre per quanto riguarda le previsioni di acquisto a tre mesi si registra segno positivo per piccoli elettrodomestici ed elettronica di consumo, attrezzature e abbigliamento sportivo, settore immobiliare e arredamento; in calo, invece, le previsioni di acquisto per grandi elettrodomestici, auto e moto, viaggi e vacanze. Sono le previsioni dell’Osservatorio mensile Findomestic rese note oggi.

A settembre le previsioni di acquisto dei piccoli elettrodomestici hanno subito un’impennata: era il 17,2% del campione a prevedere acquisti in questo settore (contro il 13,6% di agosto) per una cifra massima di spesa pari a 154 € (erano 257 ad agosto); al contrario, in calo le previsioni di acquisto di lavatrici, lavastoviglie, frigoriferi (da 10,1% del mese precedente, all’8,5%), per i quali però cresce la cifra massima di spesa prevista che passa da 733 € di agosto ai 1.065 € di settembre. Sono stabili le previsioni di acquisto di TV, Hi-Fi o Video, a quota 9,4% e per i quali la cifra massima di spesa prevista raggiunge i 930 € (contro gli 866 € del mese precedente).

Nell’elettronica di consumo, continua il trend di crescita di PC e accessori e tornano a crescere lievemente i cellulari. Nel bimestre agosto-settembre si registra un aumento di oltre il 7% nelle previsioni di acquisto legate al settore informatica, che si attesta al 15,9% (a luglio era l’8,6% del campione). In leggera crescita rispetto al mese precedente la cifra massima di spesa prevista per PC e accessori, che si attesta a 579 € (contro i 561 € di agosto). Lieve ripresa per la telefonia: l’11,4% del campione a settembre prevedeva di fare acquisti in questo segmento di spesa nei successivi tre mesi (era il 9,8% ad agosto). Sostanzialmente stabile la cifra massima per l’acquisto di beni nel settore telefonia, che si attesta a 198 € contro i 200 € di agosto.

In calo tutto il settore di acquisti di autoveicoli e motoveicoli, mentre a settembre si registra una maggiore propensione all’acquisto di attrezzature e abbigliamento sportivi che passa dal 28,2% di agosto al 33,6% di settembre. Cala invece il fai da te e il dato relativo a viaggi e vacanze.

Le previsioni d’acquisto nel settore immobiliare e arredamento restano in espansione, anche se la crescita è più modesta rispetto ai dati di agosto. I mobili fanno registrare un lieve aumento (0,6% in più rispetto al mese). Anche il settore immobiliare è in leggera crescita, ma su valori previsionali inferiori: passa, infatti, dal 3% di agosto al 3,3% di settembre la percentuale di quanti prevedono di acquistare una nuova casa. Stabile (dall’8,3% di agosto all’8,4% di settembre) l’intenzione di eseguire lavori di ristrutturazione nei prossimi tre mesi.

Comments are closed.