CONSUMI. Pasqua, Cia: “Per imbandire le tavole si spenderanno 2,2Mld di euro”

Gli italiani per imbandire le tavole con prodotti tipici e legati alle nostre terre (agnello, salumi, formaggi, ortaggi, frutta, dolci, uova, pasta) spenderanno più di 1,8 miliardi di euro. A questi si aggiungeranno altri 400 milioni di euro per vini e spumanti. Per un totale che supera i 2 miliardi di euro. Lo rende noto la Cia-Confederazione italiana agricoltori la quale evidenzia come la scelta del prodotto genuino e di qualità è confermata anche dall’affluenza nelle aziende agrituristiche che già registrano il tutto esaurito per il prossimo fine settimana. Saranno, infatti, più di 700 mila i turisti, soprattutto nostri connazionali, che trascorreranno alcuni giorni di relax (comunque non più di tre) a contatto con la natura.

Secondo gli agricoltori, gli italiani ripartiranno in questo modo le spese per allestire i pranzi di Pasqua e Pasquetta, dove sarà un trionfo per prodotti tipici: 290 milioni di euro per pane, paste e dolci; 380 milioni di euro per i formaggi; 520 milioni di euro per salumi, insaccati, agnelli e carni; 260 milioni di euro per ortofrutticoli (in particolare, carciofi, asparagi, radicchio) e per i legumi; 270 milioni di euro per l’olio d’oliva. Da non dimenticare, poi, le uova che durante questa settimana santa se ne consumeranno più di 380 milioni, soprattutto per preparare i classici dolci pasquali, per una spesa complessiva che si aggira attorno ai 70 milioni di euro.

"Anche per le festività di Pasqua – sottolinea la Cia – si rafforza ulteriormente la tendenza e l’attenzione verso le produzioni tipiche e di qualità, che rappresentano un patrimonio economico e culturale dell’agricoltura italiana. Basti pensare che i prodotti a denominazione di origine (Dop e Igp), di cui l’Italia ha la leadership in Europa con 159 prodotti, hanno un giro d’affari di 9 miliardi di euro, pari al 10 per cento della produzione lorda vendibile agricola nazionale e danno lavoro, tra attività dirette e indotto, a più di 300 mila persone.

 

Comments are closed.