CONTRAFFAZIONE. Guardia di Finanza: il falso non conosce flessioni

Contraffazione: l’industria del falso si aggrava, il giro di affari è stimato intorno ai 3,5 miliardi di euro e l’Italia si conferma leader nella produzione e nel consumo di merci contraffatte. Nel 2006 la Guardia di Finanza ha effettuato oltre 15 mila interventi anticontraffazione, con il sequestro di circa 89 milioni di articoli falsificati (il 28% in più rispetto ai 68,7 milioni di pezzi repertati nel 2005). Sono i dati resi noti dalla Guardia di Finanza che ha illustrato oggi i risultati dell’attività operativa svolta nel 2006.

"Il ‘boom’ esponenziale dell’industria del falso in Italia non conosce flessioni, ma si aggrava ulteriormente – sottolinea la Guardia di Finanza – Basti pensare che i sequestri della Guardia di Finanza nel nostro Paese superano, da soli, il totale dei sequestri di merci contraffatte effettuati nel 2005 da tutte le Dogane dei 25 Stati dell’Unione Europea (75,7 milioni di pezzi)". L’Italia, denuncia la Guardia di Finanza, "è tra i Paesi leader sia nella produzione che nel consumo di merci falsificate, con un giro d’affari stimato in 3,5 miliardi di euro". Durante l’incontro sono state illustrate anche le priorità per il futuro: "Nel corso del prossimo anno – ha detto il Comandante Generale Roberto Speciale – la Guardia di Finanza concentrerà tutti i servizi di polizia economica e finanziaria su due obiettivi di massima priorità: la lotta all’evasione fiscale ed il contrasto alla criminalità economica".

Nel 2006 le attività di contrasto alla criminalità economica hanno portato al sequestro di beni per oltre 133 milioni di euro per reati di bancarotta (con un aumento del 136% rispetto ai 50 milioni di euro del 2005); sono state 506 le persone denunciate per falso in bilancio e altri reati societari; sono stati sequestrati 17,3 milioni di euro contraffatti, cinque volte in più rispetto ai 3,2 milioni dell’anno precedente; sono stati sequestrati quasi 30 milioni di euro di beni e disponibilità finanziarie nei confronti di persone indagate per usura, di cui 116 sono state arrestate; sono state denunciate 42 persone per abuso di informazioni privilegiate o insider trading e manipolazione del mercato borsistico.

GIOCHI E SCOMMESSE. Nel 2006 la Finanza ha sequestrato 13.600 slot machines irregolari (con un aumento del 95,1% rispetto alle 6970 del 2005) e ha sigillato 638 computer presso bookmakers abusivi: si tratta di risultati che, commentano le Fiamme Gialle, "testimoniano l’elevato livello di attenzione dei Reparti verso i fenomeni in parola, per finalità non solo fiscali, ma anche di ordine pubblico, allo scopo di prevenire e contrastare le ingerenze della criminalità organizzata".

EVASIONE FISCALE. I dati della lotta all’evasione fiscale condotta nel 2006 comprendono 6.950 evasori totali e 15,3 miliardi di euro di redditi non dichiarati. L’evasione dell’IVA ammonta a 3,5 miliardi di euro e rappresenta un dato cresciuto del 40% rispetto allo scorso anno. "Il peso dell’economia sommersa nell’ambito dell’evasione – afferma la Guardia di Finanza – rimane abbastanza rilevante, e non accenna a diminuire: gli evasori totali scoperti nell’ultimo anno sono stati 6.950, mentre i lavoratori in nero ed irregolari individuati nei cantieri e nelle aziende sono oltre 28.000. L’azione di ricerca e repressione delle frodi fiscali nel 2006 è stata rafforzata specialmente con riguardo alle cosiddette frodi IVA ‘carosello’, perpetrate mediante l’interposizione fittizia di società-filtro e di prestanomi che evadono l’IVA per 1,3 miliardi di euro (su 3,5 miliardi del consuntivo di periodo 2006)".

CONTRABBANDO. I sequestri di sigarette di contrabbando sono passati da 81,7 tonnellate nel 2005 a 170 tonnellate nel 2006, con un aumento pari al 108%. E sono più che raddoppiati i sequestri di prodotti con marchi falsificati scoperti in importazione, passati da 1.600.000 a 3.900.000.

SPESA PUBBLICA. Nel 2006 sono state scoperte frodi di aiuti comunitari all’agricoltura ed illeciti finanziamenti dei fondi strutturali UE per 433 milioni di euro, con un aumento del 26% rispetto ai 340 milioni di euro del 2005. I danni erariali accertati per truffe ai danni del sistema sanitario nazionale ammontano a 216 milioni di euro e fanno rilevare un aumento del 70% rispetto ai 127 milioni di euro dell’anno precedente.

CRIMINALITÀ ORGANIZZATA. Durante il 2006 la Guardia di Finanza ha effettuato sequestri ai fini antimafia per 982 milioni di euro, quattro volte in più rispetto ai 193 milioni del 2005. Sono stati effettuati 172 arresti e 1.026 denunce per riciclaggio. Sono state 400 le ispezioni fatte in agenzie di money transfer per contrastare i flussi di capitali destinati a cellule di organizzazioni terroristiche internazionali.

Comments are closed.