CREDITO AL CONSUMO. Federconsumatori e Adusbef: famiglie chiedono meno prestiti

Diminuiscono le richieste di prestiti da parte delle famiglie italiane. La tendenza è confermata dagli ultimi dati resi noti da Eurisc, il sistema di informazioni creditizie del Crif, che parlano di un calo dell’1% nella domanda di prestiti delle famiglie a settembre di quest’anno rispetto a settembre 2009, e di una flessione complessiva del 4% nei primi nove mesi del 2010 rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. "Come registrato già nei mesi scorsi dall’Osservatorio Nazionale Federconsumatori, anche il Crif attesta la caduta della domanda di prestiti da parte delle famiglie": è quanto commentano Federconsumatori e Adusbef, sottolineando che "dopo il forte rallentamento verificatosi nel 2009 relativamente alle erogazioni nel settore del credito al consumo (pari al -11%), anche il 2010 si sta confermando una pessima annata, facendo registrare, secondo i nostri dati, una caduta del 5%".

"Tali andamenti destano un fortissimo allarme circa le condizioni delle famiglie, attestando il clima di profonda incertezza e di preoccupazione che caratterizza la situazione attuale", hanno dichiarato Rosario Trefiletti ed Elio Lannutti, presidenti Federconsumatori e Adusbef. Le associazioni sottolineano la necessità di interventi istituzionali: "Ci chiediamo quanto ci vorrà prima che il Governo si renda conto che, per invertire tale tendenza, è urgente ed indispensabile disporre misure urgenti a sostegno della domanda di mercato, per aumentare il potere di acquisto, attraverso una detassazione di almeno 1200 euro annui per le famiglie a reddito fisso, ed avviando un intervento su prezzi e tariffe, che molto incidono sulle tasche dei cittadini".

Comments are closed.