CULTURA. Si concludono gli Stati generali dell’editoria, Rutelli: “Crediamo nel futuro del libro”

Si concludono oggi gli Stati generali dell’editoria 2006 con un’iniezione di fiducia al futuro del libro espressa dal Ministro Francesco Rutelli che ha confermato "la disponibilità a fare un vero Centro per il libro, una legge per il libro, una prima riunione di coordinamento entro ottobre tra noi e tutti i soggetti che si occupano del libro a Palazzo Chigi. Partiamo da qui".

Il presidente dell’Associazione Italiana Editori (AIE), Federico Motta, ringraziando per le parole di apprezzamento del ministro ha ricambiato: "Siamo, noi editori, più fiduciosi di prima di un così ampio dialogo istituzionale. L’editoria italiana è viva, è forte, capace di farsi sentire, pronta ad affrontare le sfide che ci stanno davanti. Abbiamo una sola forza da spendere: il valore dei nostri argomenti. Siamo pronti a sederci al tavolo di coordinamento annunciato dal Ministro e vice presidente del Consiglio entro ottobre – ha commentato Motta – Ci sembra che si parta con il "piede giusto". Ora dovremo riempire di contenuti questa disponibilità".

Comments are closed.