CdM, stop alla restituzione dei bonus bebè

Il Consiglio dei ministri ha dato disposizione al ministero dell’Economia di fermare le richieste di restituzione del bonus bebe’ di 1000 euro ai cittadini immigrati. Inoltre durante la stessa seduta, che si è tenuta questa mattina, il Il Consiglio ha dato il via libera ad una nuova quota di ingressi per i lavoratori extracomunitari. Si tratta di 350 mila nuovi ingressi.

Soddisfazione del Movimento Difesa del Cittadino (MDC), "Finalmente una decisione intelligente, dopo l’improvvisazione e il disordine con cui il ministro Tremonti ha gestito il bonus bebè – commenta Antonio Longo, presidente del Movimento Difesa del Cittadino – Tremila cittadini stranieri rischiavano di finire sotto processo per aver ritirato il bonus bebè, pur non avendone diritto, a causa delle informazioni arrivate alle loro famiglie da parte del Ministero dell’Economia e dell’Inps".

"La restituzione dei bonus era una richiesta vergognosa – continua Antonio Longo – che metteva il sigillo a un quinquennio di Governo che non si è curato delle fasce più deboli della società. Questa notizia e quella del via libera del Consiglio a una nuova quota di ingressi per i lavoratori extracomunitari (350 mila nuovi ingressi) fanno sperare che in futuro saranno evitate altre assurde discriminazioni".

Anche Oliviero Forti, responsabile Immigrazione della Caritas Italiana, commenta positivamente la decisione assunta oggi dal Consiglio dei ministri: "La decisione del governo è un segnale di apertura e distensione nei confronti di un tema così delicato come l’immigrazione". "Si era verificata un’incomprensione -continua Forti – le disposizioni del precedente governo erano state male interpretate".

 

Comments are closed.