Concorrenza, Microsoft multata per 899 mln di euro

"E’ la prima volta in 50 anni che la Commissione Europea ha inflitto una multa per mancato rispetto di una decisione antitrust". E’ quanto ha detto Neelie Kroes, commissario europeo alla Concorrenza commentando la multa di 889 milioni di euro che l’esecutivo ha inflitto alla Microsoft. Tutto ha inizio nel 2004 quando una decisione della Commissione invita la società a diffondere informazioni sull’interoperabilità ai concorrenti sui mercati dei sistemi operativi per i server dei gruppi di lavoro.

Microsoft fece ricorso, ma seguì l’intervento del Tribunale di Primo Grado confermando la sentenza del 2004. Proprio lo scorso ottobre la società avevo reso nota la volontà di rispettare quanto stabilito in sede europea. In una nota dello stesso esecutivo Ue si annunciava le seguenti azioni: gli sviluppatori di software "open source" saranno in grado di accedere alle informazioni sull’interoperabilità; le royalties da pagare per queste informazioni saranno ridotte a 10mila euro; le royalties per una licenza mondiale scenderanno dal 5,95% allo 0,4%.

"Mi auguro – ha concluso Kroes – che la decisione di oggi chiuda un capitolo nero sul non rispetto da parte di Microsoft della nostra decisione del 2004. Spero inoltre che i principi stabiliti dal Tribunale di primo grado lo scorso settembre guidino nel futuro la condotta dell’azienda".

Comments are closed.