Concorrenza, a scuola con l’Antitrust

"Consumatori in erba": parte il progetto dell’Antitrust per diffondere nelle scuola la cultura della concorrenza e rivelare allo stesso tempo le trappole nascoste nella pubblicità martellante e spesso ingannevole che ha come bersaglio proprio i più piccoli. L’iniziativa è rivolta ai bambini delle V elementari: l’Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato metterà a disposizione i suoi funzionari per parlar loro di concorrenza e pubblicità ingannevole. Sarà utilizzato un linguaggio semplice e diretto.

E per rendere più accessibili i concetti legati alla concorrenza e alle insidie della pubblicità sono stati redatti due fumetti: nel primo, intitolato "La breve storia di Borgo Allegro", interviene Mago Merlino che di fronte alle furbizie dell’unico pasticcere del paese, usa "la bacchetta magica concorrenza" e fa comparire altre due pasticcerie. Nel secondo fumetto invece, intitolato "Una brutta sorpresa", si concentra l’attenzione sulla pubblicità ingannevole attraverso l’esempio di un giocattolo falsamente reclamizzato come facile da assemblare.

La presentazione dei fumetti sarà preceduta da una breve introduzione e da un’illustrazione multimediale. Non solo: le favole presentate hanno un finale aperto in cui si chiede ai bambini di disegnare la possibile conclusione della storia. I disegni che saranno realizzati saranno valutati infatti da una Commissione e gli autori che meglio avranno interpretato il messaggio saranno premiati. Negli incontri con le scuole verrà inoltre distribuita ai docenti e alle famiglie la pubblicazione divulgativa "Antitrust a portata di mano".

Il progetto ha avuto l’Alto Patronato della Presidenza della Repubblica e il parere favorevole del Ministro della Pubblica Istruzione e si inserisce – afferma l’Antitrust – nell’ambito dell’attività istituzionale volta a favorire la diffusione della cultura della concorrenza e della tutela del consumatore. I fumetti, e la scheda di partecipazione al progetto, sono disponibili sul sito internet dell’Autorità www.agcm.it. È disponibile anche una casella di posta elettronica: consumatoriinerba@agcm.it.

Comments are closed.