Consumatori boicottano la Relazione della Consob

Oggi la Consob presenta la sua Relazione annuale e ben 16 Associazioni dei consumatori, riconosciute a livello nazionale, hanno deciso di boicottare l’evento. Il motivo, lo spiegano in una lettera inviata oggi alle istituzioni: l’ingiusta sanzione notificata a dicembre scorso dalla Consob al senatore Elio Lannutti, presidente di Adusbef. Sanzione che poi è stata annullata il 10 giugno 2010 dalla Corte di Appello di Perugia, a dimostrazione del comportamento sbagliato tenuto dall’organismo di controllo.

"Il 1° dicembre 2009 – si legge nella lettera delle Associazioni – la Consob notificò una sanzione di 100.000 euro a Elio Lannutti per alcune dichiarazioni sulla vendita di strumenti finanziari derivati pubblicate sul giornale "Finanza e Mercati" che avrebbero costituito manipolazione dei mercati sul titolo Unicredit. La Consob, invece di punire i comportamenti dei banchieri che, con il collocamento di strumenti derivati in maniera indiscriminata e senza nessuna reale valutazione dell’alto rischio a carico di enti locali e piccole e medie imprese, hanno contribuito ad aggravare la difficile situazione economica e a mettere in crisi bilanci di enti locali e di piccole e medie imprese, ha voluto sanzionare il Presidente dell’Adusbef".

"La Corte di Appello di Perugia – continua la lettera – con sentenza del 10 giugno 2010, ha annullato la multa di 100.000 euro. La sentenza della Corte di Appello di Perugia rende evidente che la Consob, organismo deputato alla vigilanza, non può censurare i rappresentanti delle Associazioni dei consumatori nell’esercizio del loro potere /dovere di tutelare i diritti dei consumatori. Un comportamento che non ha precedenti ed è tanto allarmante da non poter essere censurato da tutto il movimento consumeristico italiano".

Con questa lettera Codici, Acu, Adiconsum, Adoc, Adusbef, Altroconsumo, Assoutenti, Casa Del Consumatore, Cittadinanzattiva, Confconsumatori, Ctcu, Federconsumatori, Lega Consumatori, Movimento Consumatori, Movimento Difesa Del Cittadino, Unione Nazionale Consumatori, chiedono che l’Autorità di controllo agisca per una maggiore tutela nei confronti dei cittadini consumatori/risparmiatori e per un comportamento più corretto e trasparente da parte degli intermediari.

"L’auspicio è che l’imminente nomina del nuovo Presidente sia una figura dotata di indipendenza, autorevolezza, maggiore sensibilità e capacità nell’instaurare un dialogo proficuo e continuo con le Associazioni dei consumatori".

Comments are closed.