DIRITTI. Assisi, sabato 26 agosto manifestazione per la pace in Medio Oriente

Sabato 26 agosto il Coordinamento Nazionale degli Enti Locali per la pace e i diritti umani ha promosso ad Assisi una manifestazione nazionale per la pace in Medio Oriente. "La guerra non va in vacanza e diventa ogni giorno più crudele. In Libano, in Galilea come a Gaza, in Iraq e in Afghanistan. Queste guerre sono una tragedia per tutti. Anche per noi. Non arrendiamoci all’idea di un conflitto e di un odio senza fine. Incontriamoci ad Assisi per gridare ancora più forte la nostra denuncia e il nostro progetto di pace", ha dichiarato il presidente del Coordinamento Giulio Cozzari.

Dopo 30 lunghi giorni di stragi – spiega il Coordinamento in una nota – il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha finalmente approvato una risoluzione che chiede a tutte le parti l’immediato cessate il fuoco. Nonostante questa risoluzione giunga con grande e ingiustificabile ritardo essa segna un importante passo in avanti. Non è la fine della guerra ma può essere il primo passo concreto verso la sua conclusione. Il Coordinamento chiede che "le parole della Risoluzione dell’Onu diventino immediatamente realtà per le popolazioni di entrambi i paesi violentate dalla guerra. Ogni minuto di guerra in più è un insulto all’Onu, alla legalità e alla coscienza dell’umanità. Oggi, con ancora più forza, ribadiamo che la pace è possibile. Ma c’è bisogno dell’impegno di tutti. Guai se anche questa risoluzione restasse lettera morta. Non permettiamo che questa opportunità venga sprecata. Chiediamo che la forza di pace dell’Onu includa una forte componente diritti umani".

Tra le associazioni aderenti alla manifestazione anche il Forum del Terzo Settore che invita tutte le associazioni aderenti, i Forum regionali e quelli locali, se non l’avessero ancor fatto, a dare la loro singola adesione alla manifestazione, "per dare più forza e più voce alla richiesta di pace". "La pace è possibile. Ne siamo fermamente convinte – sottolineano le portavoce Maria Guidotti e Vilma Mazzocco – E’ necessario l’impegno di tutti, è tutti possiamo fare qualcosa" .

 

Comments are closed.